≡ Menu

Attacco aereo israeliano in Siria. Colpite armi dirette a Hezbollah

Questa notte Israele avrebbe colpito in Siria un convoglio di armi diretto a Hezbollah. Lo riferiscono diversi media arabi i quali sostengono che la zona colpita dai caccia israeliani si trova poco a nord di Damasco. Il comando IDF, come sempre, non conferma e non smentisce. [click to continue…]

Lo Shin Bet ha sventato un attacco terroristico organizzato da un cittadino arabo-israeliano affigliato allo Stato Islamico. Lo si apprende da una dichiarazione diffusa dallo stesso servizio segreto interno dello Stato Ebraico. [click to continue…]

Ufficialmente Israele e Arabia Saudita non hanno relazioni diplomatiche ma è ampiamente risaputo che le intelligence dei due Paesi lavorano insieme su molti punti e che anche le diplomazie, pur relativamente in segreto, cooperano sui maggiori problemi in Medio Oriente. Questa “collaborazione” è emersa in maniera evidente come mai prima alla Conferenza per la Sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. [click to continue…]

E’ iniziata questa mattina la battaglia finale per Mosul, nel nord dell’Iraq. Ad annunciarlo con un breve comunicato è stato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. «Le nostre forze militari stanno iniziando la liberazione dei cittadini di Mosul dal terrore di Daesh» ha detto il primo ministro iracheno usando l’acronimo arabo per definire lo Stato Islamico. [click to continue…]

Israele-Palestina: il falso problema dei due stati

In queste ore oltre 100.000 palestinesi hanno scritto al Presidente Trump per chiedere che la soluzione dei due Stati non venga abbandonata e che al più presto si garantisca il cosiddetto «diritto alla autodeterminazione» del popolo palestinese. [click to continue…]

Gaza: più bastone e meno carota

Appena nominato Ministro della Difesa Avidgor Lieberman aveva detto che per Gaza avrebbe usato la politica del bastone e della carota, durissimo con i terroristi, malleabile con le richieste della popolazione. Dopo la nomina di Yahya Sanwar alla guida di Hamas quella politica non ha più alcun senso. [click to continue…]

Trump pensa a una NATO araba per contrastare l’Iran

Il Presidente americano Donald Trump starebbe pensando a una alleanza dei paesi arabi sunniti volta a contrastare l’espansionismo iraniano, una specie di NATO araba che avrebbe accesso alle informazioni di intelligence di Stati Uniti e Israele. A riferirlo è il Wall Street Journal. [click to continue…]

Attenzione a parlare di Stato unico come soluzione alla controversa situazione tra Israele e Palestina (dove per Palestina si intende uno Stato ancora a venire). Dopo quanto detto ieri da Trump sul fatto che la soluzione a due Stati non è indispensabile ho letto reazioni di ogni tipo, tra le quali alcune di fonte palestinese davvero inquietanti. [click to continue…]

Per la prima volta si parla di pace in Medio Oriente senza legarla necessariamente alla soluzione dei due Stati nella controversia tra Israele e arabi, ma soprattutto se ne parla senza mettere la soluzione del conflitto arabo-israeliano davanti a tutto e a tutti quando i veri problemi regionali sono altri. [click to continue…]

La scelta di Hamas di nominare al proprio vertice il terrorista radicale Yahya Sanwar non è stata casuale. Nessuno si aspettava quel nome e addirittura i più ottimisti speravano che Hamas potesse scegliersi un leader che uscisse dalla logica della guerra a tutti i costi con Israele. Si è andati invece sulla strada diametralmente opposta, quella del conflitto armato e del conseguente avvicinamento all’Iran. [click to continue…]