Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Abu Mazen ha bloccato con un decreto i social media e i siti web di notizie in Giudea e Samaria. Il Presidente della Autorità Nazionale Palestinese (ANP) ha preso questa decisione per limitare il dissenso che molto spesso prende forma proprio sui social media e sui siti di notizie.

A usare social media e siti web in Giudea e Samaria (la cosiddetta Palestina) sono per la maggior parte gli attivisti per i Diriti Umani molto spesso critic con Abu Mazen, così il Presidente della ANP ha deciso di stroncare la dissidenza togliendole la possibilità di far sapere cosa succede nella cosiddetta Palestina.

“E’ una enorme battuta di arresto per la libertà in Palestina, la peggior legge mai fatta da Abu Mazen”

E sono proprio le associazioni per i Diritti Umani a protestare per il decreto presidenziale parlando apertamente di repressione della libertà di espressione. Le associazioni cosiddette palestinesi accusano la ANP di essere un organismo corrotto e il Presidente Abu Mazen di aver accumulato un fortuna con il denaro sottratto allo sviluppo palestinese. I social media arabi sono pieni di queste discussioni, per questo risultano così indigesti ad Abu Mazen.

Cinque giornalisti legati ad Hamas che raccontavao le news dalla Giudea e Samaria sono stati arrestati dalla polizia di Abu Mazen questa settimana. Altri giornalisti legati invece a Mohammed Dahlan (arcinemico di Abu Mazen) erano stati arrestati nelle scorse settimane, tra di loro anche nomi importanti del giornalismo palestinese.

Ora vorremmo sapere cosa ne pensano gli ipocriti che solo pochi giorni fa protestavano in rete per la chiusura di Al Jazeera in Israele, un atto giustificato da ragioni molto seria e per molto tempo attentamente ponderato. Ma soprattutto, cosa ne pensa la Mogherini sempre attenta alle violazioni dei Diritti Umani in Giudea e Samaria?

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare