africa carestia

Allarme ONU: in Africa cresce il rischio di ‘morti di massa’ per fame e carestia

In Africa cresce il rischio di ‘morti di massa’ per fame e carestia, in particolare in tre aree specifiche. A lanciare l’allarme e l’ONU e più precisamente l’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite, la UNHCR.

L’ONU lamenta la mancanza di fondi per far fronte alle crisi alimentari derivate dalla carestia e dai conflitti in corso in tre aree specifiche: il Corno d’Africa, lo Yemen e la Nigeria.

Secondo la UNHCR sono a rischio imminente milioni di persone e già centinaia di migliaia di persone hanno perso la vita o sono state costrette a migrare a causa delle guerre e della carestia.

Per far fronte all’emergenza umanitaria all’inizio dell’anno l’ONU aveva preventivato una spesa di circa 4,4 miliardi di dollari, ma fino ad oggi i paesi donatori hanno fornito solo il 21% del fabbisogno dichiarato dalle Nazioni Unite. Lo hanno dichiarato ieri alti funzionari dell’ONU a Ginevra durante una conferenza stampa in cui hanno fatto il punto della drammatica situazione nel Corno d’Africa, in Yemen, in Nigeria e in Sud Sudan, paesi già coinvolti in sanguinosi conflitti e adesso colpiti anche da una carestia che ha pochi precedenti.

«Dei 4,4 miliardi di dollari necessari a far fronte alle gravi crisi in Africa sono stati versati solo 984 milioni di dollari, il 21% del totale» hanno detto i funzionari delle Nazioni Unite. «Ormai la situazione sta precipitando e noi non siamo in grado di far fronte all’emergenza umanitaria che coinvolge milioni di persone» hanno continuato i funzionario dell’ONU. «Il rischio di ‘morti di massa’ per fame e per la carestia è sempre più imminente e se non riceveremo gli aiuti in brevissimo tempo non sappiamo cosa potrà succedere».

I punti caldi segnalati come “a maggior rischio” sono nell’ordine, la Somalia dove oltre al conflitto la popolazione deve fare i conti con una siccità senza precedenti, lo Yemen anch’esso interessato da un sanguinoso conflitto e da una carestia biblica, il Sud Sudan dove i combattimenti e la mancanza di qualsiasi forma di sviluppo hanno costretto centinaia di migliaia di persone alla fuga, e infine la Nigeria del nord dove oltre alla presenza dei terroristi islamici di Boko Haram e quindi in presenza di un altro sanguinoso conflitto, a uccidere sono anche la fame e la sete. Ma anche se questi sono i punti dove intervenire con la massima urgenza, buona parte del continente africano è a rischio ‘morti di massa’ in particolare aree come la RD Congo e tutta l’Africa occidentale da dove partono decine di migliaia di persone alla volta delle coste europee.

Africa dimenticata

I responsabili in Africa per la UNHCR denunciano l’indifferenza del mondo di fronte alle tragedie africane e parlano di ‘Africa dimenticata’. Eppure le crisi in Africa finiscono irrimediabilmente per coinvolgere anche l’occidente, sia con le massicce migrazioni che da mesi interessano le coste europee (in particolare quelle italiane) che con le conseguenze dei conflitti. «Dimenticare l’Africa è l’errore più grande che possono fare i Paesi occidentali» ci ha detto un funzionario delle Nazioni Unite. «Se non interveniamo con la massima urgenza non vedremo solo morti di massa per fame ma anche spostamenti biblici ci persone verso l’Europa» ci ha detto ancora il funzionario dell’ONU chiedendo un maggior impegno per le esigenze in Africa piuttosto che per crisi ‘inesistenti’ come quella palestinese. Europa avvisata mezza salvata.

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare