Allucinante: Bengasi, il cadavere dell’ambasciatore USA trascinato per le strade e preso a calci

Altro che morte per asfissia. La verità sull’assassinio di Christopher Stevens, ambasciatore USA in Libia, emerge da alcuni video in mano alla polizia libica e di cui ne ha dato notizia France24. Il corpo dell’ambasciatore sarebbe stato trascinato per le strade di Bengasi, preso a calci e sputi mentre la folla urlava Allahu Akbar (Dio è grande).

Si smonta quindi del tutto la teoria della morte per asfissia e si evidenzia come l’amministrazione americana, pur essendo in possesso di queste notizie davvero allucinanti, si sarebbe guardata bene dal divulgarle.

I responsabili di questa violenza sarebbero gli estremisti di Ansar al-Sharia, un gruppo islamico salafita legato a doppia mandata ad Al Qaeda. Secondo Mathieu Guidère, autore di “La Primavera araba: la democrazia e la sharia” questo gruppo, molto potente e ben armato che controlla di fatto la città di Bengasi, si prefigge di instaurare la Sharia come unica legge in Libia.

Resta incredibile l’atteggiamento dell’Amministrazione Obama che prima ha diffuso una foto del cadavere dell’ambasciatore facendo credere che quelli erano soccorritori quando invece erano i carnefici, poi ha nascosto il fatto gravissimo del vilipendio al cadavere del povero Christopher Stevens. Davvero incredibile.

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata