Antisemitismo britannico: “Israele ha dato armi chimiche ad Al Qaeda”

Ci sono momenti in cui la stupidità umana non conosce davvero limiti. Quando quella stupidità si aggrega a un forte sentimento antisemita diventa devastante e pericolosa. Se poi a questa miscela esplosiva di stupidità e antisemitismo ci aggiungiamo un ruolo politico, il gioco è fatto e l’odio antisemita diventa un mezzo di lotta politica, un argomento politico volto ad attirare i voti del vasto movimento antisemita.

Questa equazione è valida in tutto il mondo (persino in Italia) ma ieri il parlamentare britannico George Galloway, già noto per il suo forte antisemitismo, ha superato ogni limite. Nel tentativo di difendere il dittatore siriano, Bashar Assad, dall’accusa di aver usato armi chimiche e di aver ucciso centinaia di persone con il Sarin, ha detto che l’attacco di due giorni fa è opera di Al Qaeda e che le armi chimiche in dotazione al gruppo terrorista islamico sono state fornite loro da Israele.

George Galloway è noto in tutto il mondo per essere un fervente sostenitore di Hamas e di Hezbollah e per il suo fortissimo antisemitismo. Negli ultimi tempi la sua politica anti-israeliana e antisemita ha fatto molti proseliti tra gli elettori britannici e, come in Italia per il M5S, l’adesione a questo tipo di politica è del tutto trasversale, cioè raccoglie voti dalla estrema destra e dalla estrema sinistra uniti per una volta dal sentimento antisemita e di odio verso Israele.

George Galloway, Beppe Grillo e altri politici europei che più o meno apertamente hanno abbracciato posizioni antisemite sono gli eroi di televisioni e media estremisti come le iraniane Press TV e IRIB oppure la libanese Al-Manar che fa capo a Hezbollah.

Redazione

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles