Attacchi terroristici in Israele e in Uruguay contro ebrei

attacchi-contro-ebrei

Continuano gli attacchi terroristici in Israele ma anche nel mondo dove a essere presi di mira sono i cittadini di religione ebraica, l’ultimo in Uruguay dove un musulmano ha accoltellato un uomo di religione ebraica al grido di “Allahu Akbar”.

Gli attentati in Israele

Dopo che ieri un turista americano di 28 anni era stato accoltellato e ucciso da un arabo a Jaffa, attacco che aveva portato anche al ferimento di 12 persone, questa mattina due terroristi palestinesi hanno cercato una strage a Gerusalemme presso la stazione delle metropolitana leggera dove hanno sparato contro l’autobus 32. Ma un uomo si è accorto dei due mettendoli in fuga senza che gli spari abbiano ferito nessuno. Immediata la caccia all’uomo che ha dato i suoi frutti presso la Porta di Damasco dove i due terroristi palestinesi sono stati intercettati ed eliminati dalla polizia. Presumibilmente nello scontro (ma non è ancora chiaro) è rimasto ferito gravemente un cittadino israeliano che è stato immediatamente portato presso il Hadassa Medical Center di Gerusalemme per essere adeguatamente trattato.

Attentato anti-ebraico in Uruguay

Si chiama David Fremd l’uomo ebreo ferito ieri in Uruguay da un musulmano al grido di “Allahu Akbar”. Secondo quanto si apprende dalla comunità ebraica in Uruguay l’uomo camminava per strada nella cittadina di Paysandú quando il terrorista musulmano lo ha attaccato accoltellandolo almeno dieci volte. Nell’attacco è stato ferito lievemente anche il figlio di David Fremd. La vittima non indossava vestiti tipici dell’ebraismo ma è una persona molto nota nella cittadina come appartenente alla comunità ebraica. Secondo la comunità ebraica in Uruguay, che conta circa 15.000 persone, l’antisemitismo nel paese sudamericano è cresciuto fortemente negli ultimi tempi.

Ebrei sotto attacco in tutto il mondo

Negli ultimi mesi le segnalazioni di attacchi contro persone di fede ebraica sono cresciute a dismisura in tutto il mondo, segno questo che l’antisemitismo sta avendo un pericoloso rigurgito in ogni parte del pianeta. In alcuni luoghi si è arrivati al punto di “consigliare” i cittadini di fede ebraica a non manifestare apertamente la loro fede indossando simboli tipici dell’ebraismo per non essere individuati. Il problema purtroppo viene troppo spesso sottovalutato se non palesemente ignorato, il che è un fatto gravissimo nella “moderna società” del 21esimo secolo. Il rigurgito di antisemitismo vede in prima fila persone di origine araba ma non mancano casi di neo-nazismo occidentale che, a quanto pare, è in forte crescita soprattutto in Europa.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare