Balle palestinesi: la coalizione Hamas-Fatah riconoscerà Israele

By , in Middle East on . Tagged width: , , , , , ,

balle-palestinesi-israele

Cosa non si fa per una manciata di dollari. L’ultima piroletta palestinese arriva, manco a dirlo, da Abu Mazen il quale, secondo quanto riportato dal Jerusalem Post, ieri avrebbe avuto una telefonata con Segretario di Stato americano, John Kerry, durante la quale avrebbe assicurato che il Governo di Unità Nazionale palestinese riconoscerà Israele.

Ora però c’è un piccolo problema, Hamas (ma anche Fatah, anche se tutti fanno finta di niente) nel suo Statuto ha al primo posto la distruzione di Israele e non certo il suo riconoscimento. Detto in parole povere, se quanto detto da Abu Mazen a John Kerry fosse vero Hamas dovrebbe rinnegare pubblicamente il suo statuto. La cosa francamente ci sembra un po’ improbabile.

Il punto su cui occorre concentrarsi sono gli aiuti economici dati dagli americani ai palestinesi. Tali aiuti, che sono centinaia di milioni di dollari, sono vincolati dal Congresso americano a precise condizioni tra le quali vi è proprio l’obbligo per qualsiasi Governo palestinese di riconoscere Israele.Cosa significa questo? Che se quanto detto da Abu Mazen pochi giorni fa, cioè che entro brevissimo tempo verrà costituito un Governo di Unità Nazionale di cui farà parte anche Hamas, quella condizione verrà meno e il Congresso americano congelerà gli aiuti economici alla Palestina.

Ed ecco allora la clamorosa balla palestinese, profusa da quel professionista della balle che è il cittadino onorario di Napoli, che il nuovo Governo di Unità Nazionale palestinese riconoscerà Israele, una balla tanto clamorosa quanto ridicola alla quale solo Kerry e Obama possono credere.

Scritto da Sarah F.

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata