rd congo caos

Congo nel caos, ma l’ONU non interviene

La Repubblica Democratica del Congo è nel caos più totale ma l’ONU, che pure è presente con 16.000 uomini, si guarda bene dall’intervenire. Un comportamento che davvero è molto difficile da spiegare.

Nella regione di Kasai (centro sud) una serie di gruppi ribelli che si contengono la regione più ricca di diamanti del Congo stanno facendo una carneficina. Solo nelle ultime settimane sono centinaia i civili uccisi nei combattimenti, alcuni decapitati, oltre 200 i villaggi bruciati, decine di migliaia le persone in fuga. Ma l’ONU si guarda bene dall’intervenire almeno per garantire la fuga dei civili. I 16.000 ilitari della misisone ONU in Congo dispongono di tutti i mezzi necessari per fermare la carneficina, dai mezzi blindati agli elicotteri, ma continuano a rimanere chiusi nelle caserme nonostante i pressanti appelli.

Stessa situazione nel nordest del Congo dove una nuova coalizione di ribelli che rifacendosi a un vecchio partito politico congolese (di quanto il Congo si chiamava ancora Zaire) ha preso il nome di National Movement of Revolutionaries (MNR), sta massacrando senza pietà centinaia di civili costringendo decine di migliaia di persone alla fuga nei campi profughi. Secondo i media locali solo negli scontri di ieri ci sarebbero stati oltre 100 civili uccisi. E anche qui la ragione è il controllo delle risorse che in questo caso sono le miniere di Coltan.

Non si comprende francamente come mai una delle più grandi missioni militari dell’ONU che conta migliaia di uomini e che costa qualcosa come 1,2 miliardi di dollari l’anno non faccia assolutamente nulla né per proteggere i civili né per frapporsi tra le parti in conflitto. Il Congo è nel caos più totale ma i militari ONU sembrano non interessarsene. E non è una cosa che va avanti da poco tempo, sono anni che funziona così e nonostante le decine di appelli da ogni parte del mondo l’ONU continua a tenere i proprio militari nelle caserme senza nemmeno garantire la sicurezza dei campi profughi sempre più pieni di gente.

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare