congo Ntabo Ntaberi Sheka

Congo: si arrende leader dei ribelli ricercato per crimini contro l’umanità

KINSHASA, Congo (Rights Reporter) – Ntabo Ntaberi Sheka, fondatore del gruppo ribelle Nduma defense of Congo si è arreso ieri sera alle truppe ONU di stanza nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo.

Ntabo Ntaberi Sheka dal 2011 era ricercato per crimini contro l’umanità. Si è arreso alle forze dell’ONU di stanza nello Stato di Kivu nord e secondo fonti delle Nazioni Unite è stato trasferito a Goma in attesa di decidere chi dovrà giudicarlo visto che oltre alla giustizia internazionale è ricercato anche dalle autorità del Congo.

In questi anni il gruppo ribelle fondato da Ntabo Ntaberi Sheka si è macchiato di orrendi crimini contro la popolazione civile del Congo uccidendo migliaia di persone e costringendo con la violenza centinaia di migliaia di congolesi a lasciare le loro abitazioni.

La missione delle Nazioni Unite in Congo ha fatto sapere di essere in costante contatto con le autorità di Kinshasa per decidere in comune accordo come procedere in merito al processo contro Ntabo Ntaberi Sheka che ha chiesto di essere giudicato da un tribunale internazionale e non dalla giustizia congolese.

Molte le reazioni positive alla resa di uno dei più pericolosi e sanguinari leader ribelli del Congo. La direttrice di Human Rights Watch Central Africa, Ida Sawyer, ha detto che la resa di Ntabo Ntaberi Sheka alle forze dell’ONU porta la speranza per una prossima fine delle violenze in Congo. Reazioni positive anche da altre organizzazioni per la difesa dei Diritti Umani che in tutti questi anni avevano costantemente denunciato le indicibili violenze commesse dai ribelli guidati da Ntabo Ntaberi Sheka.

Tuttavia da più parti si fa notare che la resa di Ntabo Ntaberi Sheka non vuol dire che Nduma defense of Congo interromperà le violenze contro la popolazione anche se la perdita del loro leader storico li potrebbe spingere a interrompere le loro attività. Per il momento infatti non è chiaro se con la resa del leader ribelle anche il gruppo si è sciolto.

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare