E adesso il grillismo ci fa veramente paura

29

 

Quando in una manifestazione politica si prendono a botte i giornalisti colpevoli solo di voler fare il loro lavoro qualche molla dovrebbe scattare nel cervello di chi guarda la politica senza il fanatismo degli attivisti ma con occhio critico e costruttivo.

Quello che è successo ieri al raduno del Movimento 5 Stelle, l’assalto ai giornalisti quando è arrivata la Raggi, è un fatto di una gravità inaudita che merita una seria riflessione da parte di chi osserva il movimento di Grillo dall’esterno e per qualche momento ha anche provato a pensare di poterlo votare nella speranza che cambi qualcosa.

Ci perdonerà la nostra amica Maria se prendiamo in prestito un suo (come sempre) lucido intervento su quanto avvenuto ieri:

E intanto Virginia balla mentre i cronisti venuti a Palermo per intervistarla vengono presi a schiaffi e insulti. Il sonno della ragione di mostri ne ha generati tanti e questi feroci saltimbanchi senza ideali e senza pensiero tutti Grillo-diretti sono tanto vicini al partito nazionalsocialista della Germania Anni Trenta che fanno paura. Rappresentano la deriva peggiore del berlusconismo e di tutti i moderni -ismi che l’Italia ha conosciuto. Pieni di odio, pronti a far bere ancora l’olio di ricino non appena assaggiano un’oncia di potere. ”Vedrete i sorci verdi”: così oggi in un thread un grillino mi ha scritto, perché avevo fatto notare le falsità della Raggi a proposito della candidatura alle Olimpiadi di altre città. L’espressione è squisitamente fascista e il grilloide dava l’impressione di volermi calpestare coi suoi stivali immaginari, se la rideva, un piccolo uomo che si sentiva forte perché una webbete incapace era diventata sindaco di Roma. Me l’ha proprio scritto che non gli importava nulla di ciò che avevo da dire, che ora comandavano ”loro” e io pidiota potevo andare a quel Paese. Questa massa di scellerati fanatici vogliono cancellare chiunque non appartenga alla loro setta, non tollerano il confronto, non sono solo ignoranti, sono bestiali, e chiedo scusa alle bestie. E in questa volontà di annientamento dell’interlocutore io vedo molto di più, un ribollire, una violenza e un odio che non avevo mai sentito negli elettori degli altri partiti, eccezion fatta per i raduni neo nazi.

In queste poche righe scritte da chi cercava il dialogo con un appartenente al grillismo (ormai una ideologia) c’è tutto il necessario per capire con chi abbiamo a che fare.

Non vogliamo entrare nel discorso di Roma e di come la Raggi non amministri un bel niente. Non vogliamo nemmeno entrare nel merito delle proposte grilline così simili a quelle che vediamo all’opera in Venezuela da far pensare alla volontà di distruggere invece che di costruire. No, a noi interessa evidenziare l’essenza di questo Movimento, la forza trainante di questa gente, cioè una ideologia centralista e verticista (altro che democrazia dal basso) che vede in Grillo un Fuhrer più che un leader e nella Casaleggio Associati un domina assoluto che detta tutta la politica nazionale e locale. Non riesciamo a capire come gli adepti del grillismo non riescano a vedere questo enorme paradosso della loro ideologia di base, almeno di quella ufficiale perché temiamo che la ideologia grillina sia in realtà tutt’altra cosa rispetto a quella urlata da Grillo.

Noi che ci interessiamo per lo più di politica estera e vediamo molto spesso giornalisti malmenati, insultati, minacciati e persino uccisi nelle tante dittature che infestano questo nostro povero mondo e lo denunciamo, non possiamo esimerci dal denunciare con forza anche la deriva fascista vista ieri al raduno del Movimento 5 Stelle, non possiamo non aver paura di questo Movimento che parla di “democrazia dal basso” ma è comandato in maniera dittatoriale da un solo uomo e da una azienda, che isola e mette alla gogna chi dissente, che reagisce violentemente a qualsiasi critica, così violentemente che lascia pensare che il passo dall’insulto da tastiera all’olio di ricino sia davvero breve. Lo facciamo perché obiettivamente questa deriva fascista e squadrista comincia seriamente a farci paura, molto più della loro evidente incapacità di governare.

Scritto da Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

29 COMMENTS

  1. Spesso il giornalismo ha sostenuto con Servizi menzogneri e manipolativi le tesi di certi loschi figuri solo perché sostenevano tesi deliranti e demagogiche. Adesso imparate …… ecco chi avete sostenuto

  2. Ero presente alla manifestazione ed ero a 2 metri da Virginia Raggi. Quello che vciene raccontato in questo articolo e’ frutto di una mente delirante !
    La causa di tutto e’ lo spingi -spingi dei vari cronisti che tentavano di estorcere una qualsiasi dichiarazione della Raggi, perche’ gli serviva per timbrare il cartellino e portarlo al proprio datore di lavoro. Italia 77mo posto per liberta’ di stampa, e si vede !

  3. sarebbe interessante sapere cosa si fuma l’autore di questo “articolo”….

    • sarebbe molto più interessante avere risposte sensate da dare a chi è giustamente preoccupato per una deriva verticistica e autoritaria del M5S e dei motivi che lo spingono ad attaccare la libera stampa come avviene nei peggiori regimi mondiali. Chi non ha nulla da nascondere le critiche della stampa le accetta e le contrasta in modo democratico

  4. Giornalisti come questi raccontano menzogne non c è stata alcune botte ai giornalisti semplicemente i giornalisti stessi spintonavano per arrivare alla raggi e sono stati presi a brutte parole perché erano maleducati. Inoltre la libertà di stampa in italia sta cerso il 100 posto forse dovreste farvi un esame di coscienza invece di pensare di avere sempre lo scrigno del sapere e di poter indirizzare l opinione pubblica come piu vi piace.

  5. E aggiungo che guardate con diffidenza ai 5s ma non guardate la deriva che sta prendendo il paese con renzi monti fornero berlusconi. Ci stanno portando a fondo con una disoccupazione a livelli mai raggiunti e una tassazione da primi nel mondo e voi avete paura dei 5s? Forse tu stai troppo bene e guadagni troppo per renderti conto di come stanno gli altri nel paese

  6. Chiamare questo signore giornalista è veramente troppo!!!
    Si vede benissimo che non era lì…😂😂😂

  7. Citate le bassissime posizioni dell’Italia nelle classifiche internazionali sulla libertà di stampa, ma vi rendete conto che picchiare i giornalisti alle manifestazioni politiche (e giustificare chi lo fa) è esattamente il tipo di comportamento che ci fa scivolare in basso nella classifica?

    • niente, non riescono a capire nemmeno le cose più elementari. Non capiscono che se non sei d’accordo con quello che scrivono i giornalisti non li puoi picchiare (se potessero farebbero pure peggio), ma li contrasti con quella che a tuo dire è la verità. Ma è troppo complicato farglielo capire. Lasciarli commentare è veramente illuminante

  8. Certo che ci vuole un bel coraggio a scrivere scempiaggini simili e poi si fanno passare per giornalisti! Passano i giorni ma l’informazione italiana tocca sempre più il fondo, ormai la prenderanno come esempio per insegnare cosa NON è informazione!!!

  9. Ahahahha un aticolo semplicemente ridicolo che rispecchia perfettamente il livello infimo che ha raggiunto il “giornalismo” in questo paese …ormai è un vero e proprio insulto per la parola stessa definirvi tali…sciacalli venduti al potere questo siete e nient’altro. Del resto basta guardare anche i TG nazionali per capire quanto in basso siamo arrivati. Articoli menzogneri e giornaletti di propaganda…manco fosse il terzo reich. Cambiate mestiere o andate via da questo paese e portatevi dietro i politici che pagano le vostre mediocri falsità.

  10. la cosa sotto certi aspetti tragicomica è che a leggere i commenti dei grillini sopra (presumo grillini) i timori espressi nell’articolo vengono puntualmente confermati.
    Non so quanto durerà questa sbornia assurda, speriamo poco perché altrimenti c’è davvero di che aver paura

  11. Dopo aver letto tutti i commenti mi fate ancor più paura per la vostra incapacità di capire.

  12. E quando alle pacifiche manifestazioni contro questo governo infame il cazzaro di Firenze manda i poliziotti a manganellare il popolo non fa paura? E poi come sempre questo giornalismo di regime ingigantisce le cose o le inventa di sana pianta. Non c’è stata nessuna violenza ma solo qualche spintone di qualche esaltato da cui i vertici del nostro Movimento prende le distanze. I violenti siete voi giornalisti di regime che non sapete far altro che infangare e più fate così e più la gente onesta e sveglia si lega a Grillo e al nostro Movimento…

  13. Interessante: l’articolo parla di quello che hanno fatto i grillini e la quasi totalità dei commenti si scaglia contro i giornalisti; direi che le possibilità sono tre: o sono analfabeti, o sono in mala fede, o sono enbrambe le cose. Quartum non datur.
    Post scriptum: Italia al 77° posto per la libertà di stampa? Stabilito da chi? In quale classifica? Stilata da chi? Con quali criteri? A sparare cifre cinofallicamente sono capaci tutti; non si può però pretendere che significhino qualche cosa.

Comments are closed.