≡ Menu

E’ ufficiale, una barriera sotterranea di cemento circonderà Gaza

tunnel-del-terrore-gaza

Una barriera sotterranea di cemento circonderà Gaza al fine di limitare al minimo il rischio dei tunnel del terrore costruiti da Hamas. Lo ha fatto sapere oggi il Ministero della Difesa di Israele che ha sottoposto l’offerta a 20 aziende interessate ad aggiudicarsi l’appalto.

La prima parte del progetto prevede un muro sotterraneo di 10 Km ma il progetto finale è quello di costruire la barriera difensiva tutto intorno ai 60 Km del confine con Gaza.

Il muro sotterraneo non sarà però solo una barriera difensiva ma sarà dotato anche di sensori per individuare sin da subito eventuali tentativi di scavo e la loro collocazione.

Il progetto, fanno sapere dal Ministero degli Esteri israeliano, è molto ambizioso e complesso tanto che viene prevista la partecipazione anche di aziende straniere specializzate in questo tipo di opere. Va detto tuttavia che diverse aziende internazionali hanno già rifiutato di collaborare alla costruzione della barriera sotterranea adducendo “problemi etici” non ben specificati ma certamente riconducibili alle possibili minacce da parte del Movimento BDS. In ogni caso, spiegano la Ministero della Difesa, la barriera sotterranea si farà.

Il costo dell’opera si aggirerà intorno ai due miliardi di NIS, una spesa necessaria per mettere fine una volta per tutte alla minaccia dei tunnel del terrore.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Comments on this entry are closed.

  • Guido Ago 3, 2016, 20:55

    Soldi buttati al vento!
    Basterebbe mettere ogni 100 metri dei sensori sensibili alle vibrazioni a due profondità, 10 e 20 metri. Ogni picconata verrebbe registrata immediatamente. Una mina ad alto potenziale farebbe franare qualsiasi tunnel nei paraggi.

    • Luigi Ago 4, 2016, 14:21

      Gia’ si fa’ questo….spesso ci rimangono nei tunnel come i topi.Con questa costruzione annunciata si cerca di scoraggiarli a compiere questi tunnel..

  • Joi Ago 4, 2016, 23:03

    Concordo con Guido, sensori sensori ( dove Israele è all’avanguardia ) e poi mine su mine, che crollano i tunnel e seppelliscano i topi con le loro idee di voler fare attentati in Israele , vedrete che quando ne moriranno a centinaia e migliaia i palestinesi si fermeranno !

  • Massimiliano Bondanini Ago 10, 2016, 20:54

    Notizia molto interessante e ottima iniziativa di difesa di Israele dalla guerra.
    Ho 2 domande:
    1) Israele considera oggi il confine con Gaza un confine internazionale?
    2) la barriera sotterranea interesserà anche il confine tra Gaza ed Egitto?
    Grazie

    • barbara Ago 12, 2016, 1:29

      Confine internazionale è un confine ufficialmente e formalmente riconosciuto e codificato da tutte le parti in causa e dalla comunità internazionale, non che qualcuno considera tale, quindi chiedere se uno stato considera un determinato confine come confine internazionale è del tutto privo di senso.