Effetto Kyenge: assalto all’Italia e affari d’oro per i trafficanti

Kyenge-campagna-non-credere

Oltre mille sbarchi in 24 ore, centri di accoglienza al collasso, molte donne incinta tra i migranti, centinaia i minori non accompagnati. Ed è solo l’inizio perché con il beltempo ci si aspetta un ulteriore incremento degli sbarchi di immigrati.

E’ l’effetto Kyenge, un richiamo irresistibile per i milioni di disperati che credono e ai quali viene fatto credere di poter trovare in Italia un vita migliore di quella che possono vivere nel loro Paese. E i trafficanti di esseri umani non si sono fatti sfuggire il business. Dopo che per anni l’Europa aveva adottato un sistema di comunicazione nei Paesi di origine dell’immigrazione il quale faceva passare il messaggio che gli irregolari sarebbero stati rispediti ai loro Paesi di origine ora arriva, devastante come un tornato, il “messaggio italiano”, l’effetto Kyenge, una donna arrivata in Italia come immigrata clandestina che non solo ha ottenuto la cittadinanza italiana ma è persino diventata Ministro della Repubblica, gira con scorta e macchinoni, appare in TV ecc. ecc. Insomma, la rappresentazione del sogno dei sogni di ogni immigrato. I mercanti di esser umani non si sono fatti certo sfuggire la ghiotta opportunità di “invogliare” a partire per l’Italia, specie le donne incinta attratte come api dal miele della cittadinanza facile per il loro figli e quindi anche per loro.

Il messaggio che sta lanciando l’Italia è devastante e ce ne renderemo conto nelle prossime settimane quando le migliaia di disperati che attendono di salire, pagando migliaia di dollari, su qualche carretta del mare si catapulteranno in Italia convinti di trovare l’eldorado della cittadinanza facile. E paradossalmente le prime vittime dei trafficanti di esseri umani sono proprio le donne incinta che si sono viste decuplicate le richieste di denaro a causa del loro stato che, secondo il messaggio che sta passando, permetterà ai loro figli di essere cittadini italiani, ma solo se nascono in Italia. E così occorre far presto, trovare il denaro da consegnare ai trafficanti per un posto sulle carrette del mare che salpano per l’Italia, perché il proprio figlio nasca in Italia.

Se la Kyenge voleva portare avanti una cosiddetta “battaglia di civiltà” deve sapere che invece sta portando avanti una campagna che porterà solo affari d’oro per le tasche del racket dei mercanti di esseri umani. Anni e anni di politica dello scoraggiamento all’emigrazione sono stati spazzati via dall’effetto Kyenge. E i risultati sono ben evidenti nel Canale di Sicilia.

Carlotta Visentin

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata