Egitto: Fratelli Musulmani finiti. Ora il pericolo è il terrorismo

Doveva essere il “venerdì dei martiri” e delle grandi manifestazioni. Milioni di Fratelli avrebbero dovuto scendere in piazza e invadere le strade egiziane. Alla fine erano poche migliaia nonostante la solita imponente macchina della Fratellanza Musulmana avesse organizzato centinaia di pulman per portare al Cairo i presunti sostenitori (a pagamento) di Mohamed Morsi.

Persino l’inviata di RAI News 24, innamorata della Fratellanza Musulmana, si è dovuta arrendere all’evidenza e, pur con la solita faziosità, ha dovuto ammettere che i manifestanti pro-Morsi erano poche migliaia.

L’opera di demolizione e smembramento della Fratellanza Musulmana messa in piedi dal nuovo Governo, con il sostegno della stragrande maggioranza della popolazione egiziana, ha dato i suoi frutti. In Egitto la Fratellanza Musulmana è praticamente finita e il Governo sta pensando di mettere al bando tutti i partiti religiosi proponendo la visione di un Egitto laico.

Ora però l’allarme arriva dalle infiltrazioni terroristiche. I servizi segreti egiziani hanno intercettato diverse comunicazioni tra esponenti della Fratellanza Musulmana e miliziani quaedisti di stanza nel Sinai e nella Striscia di Gaza. Si teme che la Fratellanza Musulmana voglia dare l’ultimo colpo di coda, tentare il tutto per tutto alleandosi ai gruppi terroristici jihadisti. Gli ultimi capi della Fratellanza Musulmana ancora latitanti potrebbero essersi rifugiati proprio nel Sinai e nella Striscia di Gaza e da li coordinare una campagna terroristica in Egitto volta a destabilizzare il nuovo corso. Per questo motivo l’esercito egiziano si appresta a dare un ulteriore giro di vite ai controlli lungo il confine con Gaza mentre prosegue e si potenzierà nei prossimi giorni l’operazione militare nel Sinai. I generali non vogliono dare il tempo ai Fratelli Musulmani di organizzare una campagna di terrore in Egitto e vogliono tornare il prima possibile alla completa normalità.

Sarah F.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata