Estremismo islamico: stucchevole e suicida politicamente corretto

Intorno all’estremismo islamico e alla reale minaccia che esso rappresenta c’è troppo politicamente corretto, troppe omissioni, troppe parole non dette o usate a sproposito.

Un terrorista islamico non viene mai definito “terrorista islamico”, cioè si fa molta attenzione a non affiancare la parola “terrorista” alla parla “islam”. Il più delle volte viene definito “psicopatico” e descritto come un pazzo isolato, una persona mentalmente disturbata e comunque mai legata al mondo islamico. Chi si azzarda a chiamare il terrorismo islamico con il suo nome nella migliore delle ipotesi viene definito islamofobo e razzista, nella peggiore lo chiamano razzista e nazista. Chi lancia allarmi sulla invasione islamica o sulla volontà da parte dell’islam di conquistare l’occidente viene immediatamente etichettato come populista, estremista di destra o addirittura come fomentatore d’odio razziale. Parlare chiaro sul pericolo rappresentato dall’estremismo islamico e dalla politica aggressiva e invasiva delle maggiori organizzazioni islamiche vuol dire molte volte finire nella lista nera dei moralizzatori, dei democratici con il culo degli altri.

Tutto questo politicamente corretto appare persino stucchevole di fronte alla prepotenza manifestamente islamica dimostrata da Erdogan, cioè dall’uomo simbolo di una delle più importanti organizzazioni islamiche del pianeta, quella Fratellanza Musulmana messa fuorilegge dai maggiori Paesi arabi come l’Arabia Saudita, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti, ma incredibilmente accolta a braccia aperte in Europa. Le parole di Erdogan che invitano sostanzialmente a conquistare l’occidente con l’utero delle donne sono la dimostrazione di quale sia la politica della Fratellanza Musulmana e il silenzio delle istituzioni europee che ne è seguito e l’altrettanto chiara dimostrazione di come l’occidente sia succube e persino accondiscendente di fronte a tanta insopportabile prepotenza.

Il cosiddetto “mondo civile” trova molto più logico attaccare continuamente un baluardo della democrazia qual’è Israele piuttosto che affrontare un fenomeno come l’estremismo islamico che ha messo a ferro e fuoco mezzo mondo e minaccia apertamente le democrazie occidentali. Le maggiori istituzioni mondiali, comprese quelle deputate a difendere i fondamentali Diritti Umani, sono in mano ai Paesi musulmani, cioè nelle mani dei maggiori violatori di quegli stessi Diritti Umani che quelle istituzioni dovrebbero difendere. Siamo all’assurdo, un insopportabile assurdo che va oltre il semplice politicamente corretto, arriva a sfiorare il masochismo.

Vogliamo davvero questo? Vogliamo davvero continuare con questo stucchevole politicamente corretto pur di mostrarci progressisti ad ogni costo? Eppure proprio l’islam e in particolare la sua branca estremista sono i nemici più temili del progressismo. Non è quindi un controsenso chiamare populisti coloro che avvisano del pericolo islamico e definire progressisti coloro che invece difendono le prerogative e gli obiettivi dell’islam? Pensateci un attimo prima di continuare allegramente a puntarvi la pistola islamica alla testa.

Se apprezzi il nostro lavoro valuta la possibilità di fare una piccola donazione a Rights Reporter

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

putin iran israele

Altro che amico di Israele, Putin sempre più complice dell’Iran

Chi, tra gli amici di Israele, vede in Putin un amico dello Stato Ebraico dovrebbe guardare a quello che sa facendo il dittatore russo con l’Iran e la Turchia prima di insistere con questa assurda visione

Israele: Shin Bet scopre rete di sostegno finanziario ai terroristi di Hamas

Lo Shin Bet scopre una rete di finanziamento ai terroristi gestita da Hamas gemella di quella gestita dalla ANP

Il gioco in più voga tra i bambini palestinesi? Spara al poliziotto israeliano [video]

Bambini palestinesi che giocano a “sparare ai poliziotti israeliani” fomentati dagli adulti. Con queste premesse non si può parlare di pace, né adesso né in futuro

Medio Oriente: Israele nella tela del ragno iraniano

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è un genio. Con la scusa dell’ISIS è riuscito a ingannare la comunità internazionale e a tessere una pericolosa tela intorno a Israele

libia generale haftar

Libia: quel messaggio del Generale Haftar che l’Italia deve cogliere

In una intervista al Corriere della Sera Il Generale Haftar lancia alcuni importantissimi messaggi all’Italia, messaggi che la nostra politica non può e non deve ignorare, non solo sui migranti

trump medio oriente

Pace in Medio Oriente: Trump ci riprova ma fa un favore agli arabi

Trump ritiene che dopo la fine della crisi del Monte del Tempio questo sia il momento giusto per riportare arabi e israeliani al tavolo delle trattative. Ma è un grosso favore agli arabi

Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco