≡ Menu

Follie da guerra all’ISIS: per la Russia Hezbollah non è un gruppo terrorista

La Russia non considera Hezbollah un gruppo terrorista ma un alleato nella lotta al Daesh. A dirlo all’Agenzia Interfax e il vice ministro degli esteri russo, Mikhail Bogdanov.

«Alcuni Paesi ritengono Hezbollah una organizzazione terrorista. La Russia mantiene contatti e rapporti con Hezbollah perché non li consideriamo terroristi ma alleati nella lotta al Daesh» ha detto Mikhail Bogdanov alla Interfax a margine delle riunione di sabato a Vienna dove le potenze mondiali hanno discusso del futuro della Siria.

In realtà la posizione della Russia sui terroristi sciiti libanesi emanazione del regime iraniano non è una novità. A differenza degli Stati Uniti i russi non hanno mai considerato Hezbollah come un gruppo terrorista e hanno più volte chiuso gli occhi sull’imponente riarmo dei terroristi libanesi in barba alla risoluzione Onu 1705 sul Libano. Hanno passivamente e in maniera complice accettato che armi russe destinate alla Siria e all’Iran finissero in mano a Hezbollah in violazione delle imposizioni Onu arrivando anche a coordinare azioni militari in Siria con i terroristi libanesi.

E’ pura follia, con la scusa della guerra ai terroristi dell’ISIS si sdoganano altri terroristi islamici che non hanno nulla da invidiare a quelli del Daesh. Come loro organizzano e attuano attentati contro civili, sono una delle più grandi e potenti multinazionali della droga, usano il terrorismo come mezzo politico. E non che l’Europa sia da meno della Russia. La Mogherini in un vecchio post sul suo blog li chiama pure “resistenza” e giustificava il lancio di missili su Israele. Con queste prospettive la guerra all’ISIS diventa un modo per giustificare l’espansionismo iraniano e il terrorismo di Hezbollah.

Scritto da Sarah F.

© 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata




Comments on this entry are closed.

  • Riccardo 54 Nov 16, 2015, 11:43

    Mah credo che per ora ai russi facciano comodo gli Hezbollah, giusto per non avere 2 fronti, gli accordi con Israele per evitare situazioni incresciose personalmente riformano questa ipotesi. Poi a “bocce ferme” non so quanto manterranno la loro posizione. Siamo solo all’inizio di una situazione che ridisegnerà completamente frontiere, alleanze e il futuro del mondo.