Gaza: altro passo di Hamas verso Stato Islamico. Sciolto gruppo sciita legato all’Iran

By , in Middle East on . Tagged width: , , , ,

Hamas ha compiuto un ulteriore passo di avvicinamento allo Stato Islamico. Ieri il governo terrorista che controlla la Striscia di Gaza ha deciso lo scioglimento del gruppo sciita Harakat Al-Sabireen, legato armato e finanziato dall’Iran. Lo hanno reso noto ieri sera fonti ufficiali di Hamas senza però motivare la decisione.

Secondo quanto si apprende da fonti all’interno della Striscia di Gaza la decisione sarebbe arrivata a seguito di fortissime pressioni da parte di alcune frange di Hamas molto vicine allo Stato Islamico le quali non tolleravano più la presenza a Gaza di organizzazioni sciite.

Harakat Al-Sabireen, che ha una insegna molto simile a quella di Hezbollah e non ha mai negato i suoi legami con l’Iran, è per importanza il secondo gruppo sciita presente a Gaza dopo la Jihad Islamica dalla quale si era separato due anni fa in seguito alle divergenze sorte in merito alla collaborazione tra la stessa Jihad Islamica e Hamas. Il suo fondatore, Hisham Salem, è stato più volte arrestato dalla polizia di Hamas.

Per oggi è attesa una dichiarazione ufficiale di Hamas che spieghi i motivi di questa decisione e se tale provvedimento riguarda anche la Jihad Islamica, che però ha decisamente un altro peso militare rispetto a quello di Harakat Al-Sabireen.

Diversi analisti militari in Israele sostengono che tale decisione di Hamas sia il segno di un ulteriore passo del gruppo terrorista palestinese verso lo Stato Islamico in quanto questa decisione rappresenta a tutti gli effetti una rottura quasi definitiva con l’Iran, nemico dichiarato del Daesh.

Scritto da Sharon Levi

© 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata