Gaza: operazione piombo fuso in versione egiziana? Allerta in Israele

By , in Middle East on . Tagged width: , , , ,
Carri armati egiziani entrano nel Sinai
Carri armati egiziani entrano nel Sinai

Unità delle forze speciali egiziane, unite a due reggimenti di fanteria, un numero imprecisato di elicotteri e mezzi blindati, sono entrate ieri (con il permesso israeliano) nella Penisola del Sinai. L’esercito egiziano sta quindi per dare il via a una operazione su larga cala per liberare il Sinai dalla presenza di gruppi terroristici e probabilmente contro Hamas nella Striscia di Gaza.

A far scattare l’operazione egiziana non sono solo gli attacchi contro i militari egiziani nel Sinai perpetrati da miliziani armati, ma soprattutto il sequestro avvenuto mercoledì di 19 razzi Grad, in dotazione ad Hamas, che i terroristi palestinesi stavano trasferendo al Cairo con il chiaro intento di appoggiare la Fratellanza Musulmana. Secondo il Generale Osama Askar, comandante della terza armata dell’esercito egiziano, questo è un vero e proprio atto di guerra di Hamas nei confronti dell’Egitto che non può passare impunito.

Massima allerta anche in Israele per le conseguenze che questa operazione egiziana potrebbe generare, anche perché sembrerebbe che il comando militare egiziano abbia ordinato ai suoi uomini di rendere inoffensivi i miliziani di Hamas, accusati di interferire nelle faccende interne all’Egitto e di programmare atti di terrorismo contro il nuovo Governo. Questa decisione potrebbe comportare una operazione all’interno della Striscia di Gaza e sarebbe davvero una cosa del tutto inedita.

L’allarme in Israele riguarda in modo particolare il confine con il Sinai, il Negev e tutto il confine con Gaza che proprio ieri a rivisto il lancio di missili verso il sud di Israele. Unità dell’IDF e mezzi blindati sono stati trasferiti in prossimità del confine con la Striscia di Gaza.

Sarah F.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles