Hezbollah minaccia Europa e Israele

hezbollah-europe-rights-reporter-art

«Hezbollah ritiene la decisione dell’Unione Europea di includere il Partito di Dio nella lista nera dei gruppi terroristici un errore che avrà gravi ripercussioni nei rapporti con gli Sati europei». A fare questa dichiarazione, piuttosto allarmante e sottilmente minacciosa, sono stati i vertici di Hezbollah attraverso il loro sito ufficiale, Al-Manar, dopo che ieri l’Unione Europea aveva annunciato l’inserimento dell’ala militare di Hezbollah nella black list dei gruppi terroristici.

Secondo i vertici del gruppo terrorista libanese la decisione della UE sarebbe ingiusta e aggressiva basata sul nulla e senza alcuna prova, il frutto delle forti pressioni di Israele e degli Stati Uniti. Gli Hezbollah non mancano di prendersela anche con la Gran Bretagna che avrebbe spinto per far assumere questa decisione all’Unione Europea. «La decisione europea è stata scritta con le mani americane e l’inchiostro israeliano» dicono ancora i leader di Hezbollah ad Al-Manar. Il portavoce di Hezbollah ha detto che il gruppo terrorista valuterà nelle prossime ore come rispondere a questo attacco che arriva dall’Europa. Una minaccia neppure tanto velata.

In realtà la decisione della UE cambia ben poco per Hezbollah, lo ammettono persino i vertici del Partito di Dio, quando affermano che “quella europea è una decisione suggestiva che da un lato etichetta una parte di Hezbollah come entità terroristica mentre dall’altro chiede di incrementare i rapporti politici con i partiti libanesi di cui Hezbollah è una componente importante”. La verità è che la decisione europea è un vero e proprio bluff volta a tacitare chi chiedeva l’inserimento di Hezbollah nella lista nera dei gruppi terroristici senza però danneggiare gli stessi Hezbollah. Non è chiaro infatti come faranno gli europei a distinguere l’ala politica da quella militare visto che Hezbollah è un movimento verticistico che fa capo ad una unica regia.

In ogni caso la reazione del Partito di Dio è stata veemente e rabbiosa. Questa mattina su Al-Manar TV un alto esponente del movimento terrorista intervistato da un giornalista sosteneva sarcasticamente che «l’Europa dovrebbe chiedersi quale sarà la risposta di Hezbollah e come cambieranno i rapporti con UNIFIL», un chiaro riferimento a eventuali azioni terroristiche in territorio europeo e contro il contingente di pace Onu che staziona nel sud del Libano. Non sono mancate nemmeno le minacce a Israele, giudicata la mente occulta della decisione europea: «il regime sionista (Israele n.d.r.) pagherà a caro prezzo questo attacco al popolo libanese» ha detto in diretta TV l’alto esponente di Hezbollah.

Sarah F.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles