Il nuovo Iran “moderato” invia 4.000 pasdaran in Siria

By , in Middle East on . Tagged width: , , ,

IRAN-pasdaran

Mentre il mondo, accecato dalla retorica, osanna l’elezione del moderato Hassan Rohani alla presidenza della Repubblica Islamica di Iran, a Teheran non perdono tempo per dimostrare che in effetti in Iran nulla è cambiato.

Ieri sera il Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione  ha dato l’OK all’invio di un contingente militare iraniano in Siria. Secondo il The Indipendent che cita fonti iraniane, si tratta di 4.000 pasdaran che andrebbero a dare manforte all’esercito di Assad e a Hezbollah. Secondo altre fonti iraniane la decisione sarebbe stata presa prima delle elezioni per rispetto verso il nuovo Presidente iraniano, chiunque esso sia stato, ma ogni candidato sarebbe stato informato della decisione e l’avrebbe avvallata. Quindi si può parlare di prima decisione importante del nuovo Presidente iraniano, Hassan Rohani.

In base a quanto riferito dalle fonti iraniane al The Guardian, l’Iran è pienamente impegnata a salvaguardare il regime di Assad e per farlo pensa anche di aprire un nuovo fronte con Israele sulle Alture del Golan. L’invio di ulteriori truppe in Siria sarebbe proprio finalizzato a questo obbiettivo.

Quindi non cambia niente in Iran, cambiano solo i nomi dei macellai di facciata. Fino a ieri era Ahmadinejad, oggi è Hassan Rohani. Ma il vero potere rimane nelle mani di Khamenei e già da oggi si vede benissimo.

Sarah F.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata