Iran: dal petrolio soldi al terrorismo. Grazie Obama (report)

iran-petrolio-obama

Grazie alla folle politica di Obama e di Catherine Ashton oggi l’Iran può tornare non solo a finanziare il suo programma nucleare ma può aumentare a dismisura il suo supporto al terrorismo internazionale. Per capire a cosa ha portato la politica di Obama basta guardare i dati diffusi dallo stesso Governo iraniano in merito alle esportazioni di petrolio riprese nel novembre  scorso proprio grazie all’accordo con il gruppo dei 5+1.

A renderci edotti di questa performance è la Fars News Agency, agenzia di stampa iraniana. Secondo la Fars News le esportazioni iraniane di petrolio, sarebbero tornate in pochi mesi ai livelli pre-sanzioni e in alcuni casi anche oltre.

Nel dettaglio la Cina importa 502.000 barili al giorno (564.536 barili al giorno nel mese di gennaio), l’India 304.286 barili al giorno (412.000 barili al giorno nel mese di gennaio), la Corea del Sud ha importato solo a gennaio ben 1,1 milione di tonnellate di greggio iraniano pari a 294.069 barili al giorno (+ 104% rispetto allo stesso periodo del 2013). La Turchia tra greggio e condensati importa dall’Iran 1,37 milioni di barili al giorno. E questi sono solo  più grossi importatori. In totale da quando Obama e gli altri allegri commensali hanno tolto le sanzioni a Teheran, l’Iran ha esportato milioni e milioni di barili al giorno fino ad arrivare alla cifra impressionante di 2,78 milioni al giorno nel mese di febbraio.

A questa esplosione di esportazioni che portano decine di miliardi di liquidità nella casse iraniane vanno aggiunti i miliardi di dollari che prima erano sequestrati nelle banche estere e poi sbloccati da Obama. Poi ci sono i contratti che Teheran sta chiudendo con le maggiori compagnie petrolifere mondiali (anche americane).

Per il terrorismo internazione è una manna dal cielo. Ora l’Iran può riprendere pienamente il suo meschino supporto ai gruppi terroristici inviando loro navi e navi di armi, dal Medio Oriente all’Africa. E se qualcuno pensasse che tutto questo fiume di denaro andrà a supportare l’esangue economia interna iraniana si sbaglia. Secondo un rapporto Onu, non solo negli ultimi mesi la situazione dei Diritti Umani è nettamente peggiorata ma la popolazione non risente di questo enorme aumento delle esportazioni. Anzi, il prezzo della benzina e del combustibile da riscaldamento è paradossalmente aumentato.

Che dire? Il terrorismo internazionale ringrazia il sig. Obama e la sig.ra Ashton per aver finalmente permesso all’Iran di tornare a essere quello che era prima, un fenomenale fornitore di morte.

Sharon Levi

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata