Iran: gli Ayatollah mostrano i muscoli

In risposta all’inizio dell’embargo petrolifero che dal 1° luglio impedirà all’Iran di vedere il suo petrolio agli Stati europei e, sicuramente, anche agli altri Stati vista l’indisponibilità delle compagnie assicurative ad assicurare le navi che trasportano greggio iraniano, l’Iran risponde mostrando i muscoli anche se sembra più che altro un gigantesco bluff.

Le Guardie della Rivoluzione hanno annunciato ieri una serie di manovre militari che dureranno tre giorni e che si svolgeranno nel deserto centrale del’Iran. In contemporanea l’esercito iraniano ha annunciato che gli scienziati di Teheran stanno costruendo un missile in grado di penetrare il sistema di difesa antimissile israeliano “Iron Dome”.

«Le manovre sono state organizzate per testare l’efficacia dei sistemi difensivi in previsione di un attacco militare contro la Repubblica dell’Iran» ha detto il Gen. Ami Ali Hajizadeh. Riguardo al missile in grado di superare il sistema “Iron Dome” il generale ha detto che si tratta di un missile con gittata di 2.000 Km in grado quindi di colpire Israele e l’Europa Meridionale. Il missile disporrebbe di un dispositivo in grado di ingannare il sofisticato sistema israeliano e altri sistemi antimissile usati da altre potenze militari.

In realtà, avvisano gli esperti occidentali, non è la prima volta che l’Iran fa annunci di questo genere, annunci che il più delle volte si sono rivelati essere dei bluff. Teheran non dispone né della tecnologia necessaria alla costruzione di missili in grado di superare le difese israeliane e occidentali, né del know-out tecnico per tale impresa.

In un crescendo di dichiarazioni allucinate il Gen. Ami Ali Hajizadeh ha anche detto che «Israele non è in grado di attaccare l’Iran, specie dopo la sconfitta subita da Hezbollah nel 2006» con riferimento alla guerra tra il gruppo terrorista libanese e Israele che nel 2006 vide come scenario il sud del Libano. Non si capisce bene quale nesso ci sia tra quella guerra e le capacità di Israele di attaccare l’Iran, ma sembra tanto un esercizio di “auto-incoraggiamento” dedicato alle truppe iraniane.

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles