Iran: “sono nostri i missili di Hamas”. Rapire soldati e cittadini israeliani

By , in Middle East on . Tagged width: , , , ,

Hamas è in grado di lanciare missili su Israele perché l’Iran ha fornito al gruppo terrorista i mezzi materiali e tecnologici per costruire il loro arsenale direttamente in casa e senza il bisogno di farli entrare dai tunnel. A dirlo ad Al-Alam (Tv iraniana in lingua araba) è Mohsen Rezaei, ex comandante dei Pasdaran e attuale segretario del Consiglio iraniano del Discernimento.

Secondo quanto afferma Mohsen Rezaei l’Iran avrebbe fornito ad Hamas la tecnologia e i materiali per costruire missili molto simili agli iraniani Fajir 5. I singoli materiali sarebbero entrati separatamente e non in grandi quantità per ogni consegna aggirando così il blocco.

Mohsen Rezaei nel suo delirio ha detto di aver scritto una lettera al Presidente iraniano, Hassan Rouhani, invitandolo non solo a fornire ad Hamas i mezzi necessari alla costruzione di migliaia di missili, ma ad inviare personale iraniano nella Striscia di Gaza per addestrare “adeguatamente” i terroristi di Hamas al rapimento di soldati e civili israeliani. Secondo Mohsen Rezaei se si rapissero decine di civili e militari si metterebbe in ginocchio Israele perché “loro (gli israeliani n.d.r.) tengono anche a uno solo del loro popolo”.

Nella stessa lettera Mohsen Rezaei avrebbe chiesto a Rouhani di inviare ad Hamas anche sistemi di difesa aerea avanzati per contrastare la superiorità aerea israeliana e per compensare i loro sistemi di difesa (Iron Dome) e ha citato il Presidente americano Obama che ha finanziato con circa 300 milioni di dollari il sistema antimissile israeliano invitando il presidente iraniano a fare lo stesso con Hamas.

Le visionarie e terroristiche idee di Mohsen Rezaei sono molto ben viste nell’ambito militare iraniano. I generali di Teheran vorrebbero trasformare la Striscia di Gaza in un piccolo Libano meridionale che, ricordiamo, attraverso Hezbollah è sotto controllo di Teheran. Per questo vedono di buon occhio anche un eventuale posizionamento di truppe Onu a Gaza, così da poter fare come in Libano dove non solo hanno riarmato con estrema tranquillità gli Hezbollah, ma le truppe Onu sono diventati veri e propri scudi umani.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sharon Levi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles