ISIS in Israele: arrestati sette arabi israeliani

By , in Middle East on . Tagged width: , ,

Sette arabi israeliani sono stati arresati dallo Shin Bet perché sospettati di pianificare attentati in Israele per conto del ISIS. Lo hanno reso noto oggi fonti della sicurezza israeliana.

I sette arrestati sono sospettati di aver creato una cellula del ISIS che avrebbe dovuto agire dall’interno di Israele. Voci non confermate riportano che erano in contatto anche con arabi israeliani che stanno combattendo in Siria tra le fila del ISIS.

Gli arrestati abitavano in bassa Galilea e si erano addestrati nei boschi intorno a Yafa an-Naseriyye. Gli obbiettivi, non resi noti dallo Shin Bet, erano stati decisi dai vertici del ISIS. Tre degli arrestati, Ahmed Mahagna (20) da Yafa un-Naseriyye, Mohammad Sharif (22) da Nazareth e Mohammad Ghazali (23), sono stati accusati anche di contatti con un agenti stranieri e di organizzazione di gruppi terroristici che avevano come obbiettivo basi del IDF e militari israeliani. Ibrahim Aljawabra (35) e suo fratello Ali (32) da Fureidis, sono stati accusati di aver reperito le armi, mentre Baha Naaran (22) da un Yafa-Naseriyye è stato accusato di possesso di armi e di organizzare attività criminose legate al terrorismo islamico. Il settimo componente della cellula del ISIS, Ahmed Ahmed, si trova già in carcere per l’omicidio del tassista Yifim Weinstein avvenuto nel 2009 ed è accusato di aver indicato gli obbiettivi da colpire.

Gli arrestati hanno confessato di far parte della organizzazione terroristica dello Stato Islamico e di stare per colpire obbiettivi militari e civili in Israele. E’ la prima volta che si scopre una cellula terroristica legata al ISIS che opera dall’interno di Israele.

Scritto da Sarah F.

© 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles