L’Islam vincerà per la codardia dell’occidente

 

Se qualcuno pensasse che la la controversa risoluzione dell’UNESCO che di fatto nega qualsiasi collegamento tra ebraismo, Gerusalemme e i luoghi i santi alla religione ebraica e cristiana sia un problema solo per Israele si sbaglia di grosso. Quella assurda risoluzione, quel totale capovolgimento della storia è soprattutto una vittoria islamica sull’ebraismo e sul cristianesimo perché mettendo in dubbio l’uno si cancella automaticamente l’altro.

Qui non si tratta dell’UNESCO, che ne esce onestamente svergognato, o dell’ONU che ormai è solo un paravento per distorcere il Diritto Internazionale, qui si tratta di lasciare che l’Islam si appropri di una storia non sua attraverso una narrazione da fare invidia a un romanziere di fantascienza. Ma se questo è chiaro a tutti coloro che hanno un minimo di cervello quello che non è ancora chiaro a tutti è il segnale che questa storia assurda ha lanciato e cioè che l’occidente è ormai in balia dei desiderata islamici, ma non per una qualsiasi superiorità da parte dell’Islam nei confronti dell’occidente quanto piuttosto per la codardia di quest’ultimo. Il numero dei Paesi astenuti su quella assurda risoluzione (tra i quali l’Italia) non lascia adito a dubbi. L’occidente si è semplicemente piegato all’Islam arrivando a rinnegare le sue origini, perché è questo di cui stiamo parlando, delle origini del cristianesimo e della storia dello stesso occidente, legata indissolubilmente all’ebraismo. Se non si comprende questo, se non si comprende che non si tratta solo di un attacco all’ebraismo ma che di riflesso (e molto furbescamente) è un attacco al cristianesimo, allora non si è capito nulla di quello che è realmente accaduto nelle stanze dell’UNESCO.

Il segnale che esce da questa assurda vicenda è devastante perché mette in luce tutta la codardia dell’occidente e dimostra al mondo musulmano che può pretendere qualsiasi cosa, a partire dalla riscrittura della storia. E se qualcuno prova ad alzare la testa e a dissentire, come ha fatto la direttrice dell’UNESCO Irina Bokova, viene immediatamente intimidito e minacciato di morte senza che nessuno osi protestare o semplicemente indignarsi.

Con questa assurda vicenda l’occidente non ha solo danneggiato Israele, che comunque sopravviverà a questo ennesimo tentativo di cancellarlo, prima di tutto ha danneggiato se stesso dimostrandosi supino ai desiderata islamici e debole di fronte alla prepotenza musulmana.

Tutto il mondo islamico gioisce e ne ha ben donde, è il primo vero importante passo nella strada della conquista dell’occidente e per questo deve ringraziare la codardia di certi Paesi, Italia in testa, che con la loro timorosa indifferenza si stanno consegnando ai tagliagole e alla loro prepotenza.

Scritto da Maurizia De Groot Vos

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare