Israele: gli “arabi moderati” attaccano anche i drusi

By , in Middle East on . Tagged width: , , ,

Violenti scontri sono scoppiati ieri sera nel villaggio di Abu Snan, in Galilea occidentale, tra le comunità drusa e quella araba. Il bilancio provvisorio di questi scontri è al momento di 35 feriti di cui alcuni feriti in maniera seria.

Gli scontri sono iniziati ieri sera quando alla fine della preghiera del venerdì gli arabi hanno iniziato un fitto lancio di sassi contro alcune abitazioni di cittadini drusi i quali hanno prontamente reagito trasformando il villaggio in una specie di campo di battaglia. Solo l’intervento massiccio delle forze di polizia ha riportato la calma.

Gli arabi accusano i drusi di non aver partecipato alle manifestazioni contro Israele e di essere gli unici che servono nel IDF, da qui l’attacco alle loro case. Da sempre i drusi, anch’essi di etnia araba, sono schierati apertamente con la democrazia israeliana.

La scintilla degli scontri sarebbe stata accesa dalla contestazione di alcuni studenti drusi contro alcuni studenti arabo-israeliani che sarebbero andati a scuola con la kefiah in segno di solidarietà con Khair Hamdan, ucciso dalla polizia mentre cercava di attaccare una camionetta della stessa polizia armato di un coltello.

Il responsabile della comunità drusa di Abu Snan ha lanciato durissime accuse contro gli arabi che vorrebbero costringere tutti a seguire la loro ideologia terrorista e violenta. «Noi siamo cittadini israeliani, difendiamo Israele perché Israele è la nostra patria» ha detto alla stampa.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sarah F.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata