L’Aquila: aspettando il nuovo terremoto, perché ricostruirla? Lettera di un terremotato

Se è vero che l’11 maggio 2011 o al più tardi il 10 giugno 2011 nel centro Italia si verificherà una nuova potentissima scossa di terremoto, perché si dovrebbe ricostruire l’Aquila? Potrebbero aver pensato questo al Governo quando sono state diffuse le previsioni di Raffaele Bendandi, l’uomo che prevedeva i terremoti e che aveva previsto anche quello che il 6 aprile distrusse l’Aquila e persino quello apocalittico che ha colpito il Giappone lo scorso 11 marzo.

Per la cronaca Bendandi è morto il 3 novembre del 1979 portando con se i suoi segreti sulle previsioni dei terremoti, ma il fenomeno ha continuato a suscitare interesse anche perché le previsioni di Bendandi si sono verificate 3 volte su 6. Giudicato uno “speudo-scienziato” non è mai stato ascoltato dalla comunità scientifica, ma potrebbe esserlo dall’attuale Governo che dopo due lunghissimi anni non ha ancora messo mano alla ricostruzione dell’Aquila.

Questo Governo ci ha abituati a tutto, non è escluso quindi che abbia pensato anche a questo. Perché spendere soldi quando si può fare un lavoro tutto insieme? Aspettiamo il prossimo terremoto così ricostruiremo l’Aquila una volta per tutte e come Dio comanda.

Intanto all’Aquila si guarda con ammirazione a come in Giappone abbiano ricostruito le strade in appena una settimana, a come la macchina degli aiuti e della ricostruzione si sia messa subito in moto nonostante il terremoto giapponese sia stato centinaia di migliaia di volte più potente e distruttivo di quello che ha colpito l’Aquila. Da noi invece i furbetti della cricca gioivano per i soldi che avrebbero guadagnato con il terremoto e adesso rischiano pure di farla franca insieme a quelli che hanno costruito la casa dello studente usando fanghiglia e sabbia invece che cemento armato. E si, perché se passa il processo breve questi qua la faranno tutti franca e si metteranno li ad aspettare il prossimo terremoto per farsi ancora quattro risate. Tranquilli, se Bendandi aveva ragione ci sarà poco da aspettare.

Un terremotato dell’Aquila

© 2011, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

putin iran israele

Altro che amico di Israele, Putin sempre più complice dell’Iran

Chi, tra gli amici di Israele, vede in Putin un amico dello Stato Ebraico dovrebbe guardare a quello che sa facendo il dittatore russo con l’Iran e la Turchia prima di insistere con questa assurda visione

Israele: Shin Bet scopre rete di sostegno finanziario ai terroristi di Hamas

Lo Shin Bet scopre una rete di finanziamento ai terroristi gestita da Hamas gemella di quella gestita dalla ANP

Il gioco in più voga tra i bambini palestinesi? Spara al poliziotto israeliano [video]

Bambini palestinesi che giocano a “sparare ai poliziotti israeliani” fomentati dagli adulti. Con queste premesse non si può parlare di pace, né adesso né in futuro

Medio Oriente: Israele nella tela del ragno iraniano

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è un genio. Con la scusa dell’ISIS è riuscito a ingannare la comunità internazionale e a tessere una pericolosa tela intorno a Israele

libia generale haftar

Libia: quel messaggio del Generale Haftar che l’Italia deve cogliere

In una intervista al Corriere della Sera Il Generale Haftar lancia alcuni importantissimi messaggi all’Italia, messaggi che la nostra politica non può e non deve ignorare, non solo sui migranti

trump medio oriente

Pace in Medio Oriente: Trump ci riprova ma fa un favore agli arabi

Trump ritiene che dopo la fine della crisi del Monte del Tempio questo sia il momento giusto per riportare arabi e israeliani al tavolo delle trattative. Ma è un grosso favore agli arabi

Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco