Lista di proscrizione turca contro militari israeliani

Un giornale turco ha pubblicato quella che sembra essere una vera e propria lista di proscrizione. La lista comprende ben 174 nomi di militari, ufficiali e alti ufficiali dell’esercito israeliano oltre che a dirigenti israeliani che, secondo quanto affermato dal giornale, sarebbero  responsabili dell’attacco alla Navi Marmara, la nave turca con a bordo militanti armati della IHH (un Ong turca) che lo scorso anno cercò illegalmente di forzare il blocco su Gaza.

Secondo il quotidiano turco Sabah, ai nomi ci sarebbero arrivati alcuni agenti dei servizi segreti turchi usando infiltrazioni nei social network quali Facebook e Twitter. In realtà non esiste alcuna prova di quanto affermato dai nazisti turchi e soprattutto è stato ampiamente dimostrato che i militari saliti a bordo della Navi Marmara non solo erano autorizzati dal Diritto Internazionale a compiere quella azione ma che gli scontri che ne sono seguiti con la morte di otto personaggi armati turchi, sono il frutto di una azione di legittima difesa dei militari israeliani attaccati dagli attivisti della IHH con coltelli e spranghe in quello che era a tutti gli effetti un vero e proprio tentativo di linciaggio.

La Turchia procede quindi a grandi passi verso un comportamento pienamente nazista arrivando a crare vere e proprie liste di proscrizione trasformando quindi quei militari in veri e propri bersagli, il tutto mentendo spudoratamente sia sui fatti che sulle eventuali prove che “incolperebbero” i militari israeliani.

L’iniziativa è partita direttamente dalla IHH, un Ong turca con forti legami con l’estremismo islamico, che attraverso uno dei suoi legali, Ramazan Ariturk, ha presentato una denuncia alla Procura di Istanbul chiedendo al Procuratore capo di identificare i responsabili del raid sulla Navi Marmara. Da qui l’incarico ai servizi segreti turchi.

Sarah F.

© 2011, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata