L’ultimo oltraggio al popolo italiano. Adesso basta. Rivolta

La casta ha mantenuto i propri privilegi dopo che aveva promesso che le cose sarebbero cambiate. La cosa rientrerebbe nella normalità in Italia se non fosse che qua e la iniziano a spuntare i forconi. Non è il mantenimento dei privilegi che irrita il popolo, è l’oltraggio con cui sfacciatamente i politici mentono ogni giorno.

La gente è stanca e inizia a scendere in piazza. Un assaggio lo abbiamo visto ieri davanti al Senato e a Montecitorio, manifestazioni non organizzate subito bollate dalla casta come “violente e irresponsabili”. Invece no, la gente è proprio stanca di questa politica attaccata unicamente alle poltrone e ai privilegi. E’ stanca di fare sacrifici e di pagare per gli errori/orrori di questa politica davvero minimale.

Quello che irrita più di tutti e la sfacciataggine (io la definirei arroganza) con la quale la casta, a dispetto della situazione, tende a mantenere i suoi privilegi. Questa mattina su La7 c’era “l’onorevole” Ravetto (PDL) che con assoluta tranquillità e arrampicandosi sugli specchi, difendeva i privilegi della casta mentre sosteneva che era sacrosanto innalzare l’età pensionabile delle donne, cosa che in un certo contesto sarebbe pure giusta se non che, detta da lei che, a 40 anni, tra 12 mesi avrà diritto ad un vitalizio da migliaia di euro al mese, appare quantomeno paradossale.

Sono questi gli oltraggi all’intelligenza degli italiani che ormai sono diventati insopportabili. E non ne sto assolutamente facendo una questione politica, ne sto facendo una questione morale.

Adesso però basta. Questa è l’ultima volta che ci prendono per i fondelli. Sabato ci sarà una grande manifestazione popolare a Roma contro la finanziaria e contro i privilegi della casta. E poi adesso bisogna tenerli sulla graticola a questi succhia soldi nullafacenti. Prima di tutto ricordatevi di andare a firmare presso il vostro comune per il referendum volto ad abolire l’attuale legge elettorale (detta giustamente Porcellum). Abbiamo tempo fino alla fine del mese per farlo. Servono 500 mila firme ed è molto importante farlo perché dobbiamo essere noi a eleggere i politici e non i partiti (pensate per un attimo chi avrebbe eletto gente come Straguadagno o la Santanché. Nessuno). E poi presidi davanti ai palazzi del potere. Devono vergognarsi come cani e passare a testa bassa per tutte le porcherie che ci stanno facendo. Non è un invito alla sovversione, anzi, si invita tutti a mantenere la massima calma per non essere etichettati come violenti, ma devono capire che “adesso basta”. Invitiamo chiunque abbia una pagina su Facebook o su Twitter dove si organizzano manifestazioni a farcelo sapere. Diffonderemo la notizia e così credo altri blog (sono centinaia e a prescindere dalla fede politica adesso dobbiamo coordinarci). Mandiamo a casa i vampiri di democrazia. VIVA L’ITALIA

Carlotta Visentin per Free Italian Press e Secondo Protocollo

© 2011, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata