M5S: il duce Grillo colpisce ancora. Fuori i nuovi Galeazzo Ciano

duce-grilloIl duce Beppe Grillo ha colpito ancora, in barba alla democrazia e al Diritto di critica. Il M5S ha deciso di rimettere nelle mani della rete l’espulsione dei senatori Luis Alberto Orellana, Francesco Campanella, Lorenzo Battista e Fabrizio Bocchino, rei di lesa maestà per aver criticato Grillo in occasione dell’incontro con Matteo Renzi.

Non è una novità. Già in passato chiunque all’interno del M5S abbia criticato il duce Grillo è stato espulso, per altro con una dinamica online per nulla trasparente dato che nessuno è in grado di controllare chi e come vota realmente in tempo reale.

Viene da pensare come sarebbe l’Italia di Grillo se il M5S dovesse disgraziatamente vincere le elezioni. Cosa farebbe a quel punto il duce? Manderebbe i dissidenti al confino oppure li metterebbe direttamente al muro?

Dando uno sguardo al M5S si ha proprio l’impressione della rinascita del partito fascista. Nuovi oligarchi nelle grazie del duce Grillo fino a quando non provano a dire la loro, poi fanno la fine di Galeazzo Ciano (per ora, metaforicamente parlando).

Bianca B.

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata