≡ Menu

Ma i palestinesi sono nemici di Israele oppure no?

palestinesi-nemici

Qualcuno dirà: ma che razza di domande fate oggi? E invece no, la nostra è una domanda legittima anche se banale, una domanda che a quanto pare in molti evitano accuratamente di porre perché dallo stabilire sei i palestinesi sono nemici di Israele oppure no dipende molto il comprendere tante cose e fatti che avvengono in Medio Oriente.

E si perché la differenza che passa tra essere un nemico di qualcuno e non esserlo (che non vuol dire necessariamente essere amico) è notevole e in questa differenza vanno inquadrati i diversi comportamenti da tenere. E allora rifaccio la domanda del titolo: i palestinesi sono nemici di Israele oppure no? Cerchiamo di capirlo.

Se una persona brama la vostra morte lo considerate nemico o amico? Se una persona alleva i propri figli con l’idea che per raggiungere il Paradiso deve ammazzare qualcuno di voi, lo considerate nemico oppure no? Se una persona organizza un rinfresco ogni volta che ammazzano qualcuno di voi, lo considerate nemico oppure no? Se una persona vive solo per l’idea di distruggere il vostro Stato infischiandosene di tutto il resto, di vivere, di crescere i propri figli in un mondo migliore o di cercare la pace, lo considerate nemico oppure no? Se la risposta a queste domande e SI e avete la sfortuna di essere israeliani allora avete un problema. E si perché, cari amici se siete israeliani non vi è permesso considerare nemici chi vi vuole distruggere, anzi, fareste bene ad accoglierli a braccia aperte e farvi ammazzare senza farla troppo lunga, fareste bene ad abbattere il muro difensivo che vi sta difendendo, a non sparare agli attentatori che ogni giorno cercano di ammazzarvi, a non controllare quelli che cercano di vendere armi a coloro che le vogliono usare per uccidervi, insomma, fareste bene a non lottare e ad arrendervi. Ma solo se siete israeliani perché in tutto il resto del mondo i nemici si combattono non si accolgono a braccia aperte, non gli si fornisce energia elettrica, non gli si mandano aiuti umanitari. Non li si aiuta per niente.

E allora rifaccio la domanda ma con la “giuntina”: i palestinesi sono nemici di Israele oppure no? E se sono nemici, perché mai non dovremmo combatterli come si fa con i nemici invece di dargli ogni cosa appena aprono bocca? Perché mai dovremmo continuare a fornirgli energia elettrica, a riscuotere le tasse per loro, a permettere che commercino i loro prodotti in Israele e attraverso Israele? Perché dovremmo curarli nei nostri ospedali? Sono o no nemici? Ma soprattutto, perché mai dovremmo stare a sentire il mondo intero che ci dice di arrenderci ai nostri nemici senza nemmeno combatterli?

Scritto da Paola P.

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Comments on this entry are closed.

  • Elisabetta Apr 22, 2016, 14:01

    Bella domanda. Specialmente per quanto riguarda le cure ai familiari dei leader palestinesi

  • Lina Apr 23, 2016, 7:56

    Perché se un solo loro bambino crescerà con la consapevolezza che è stato aiutato o curato da Israele potrà divulgare la verità da adulto e supportare il percorso di pace. Le altre domande rimangono aperte…