Manlio Di Stefano (M5S) e quell’amore per i regimi genocidi

Da mesi Manlio Di Stefano, noto esponente del M5S e Ministro degli Esteri in pectore del partito di Grillo, porta avanti una campagna smaccatamente filo-iraniana e a favore del sanguinario dittatore siriano Bashar al-Assad.

Dopo quella che “il terrorismo islamico non esiste”, gli appelli a riprendere i rapporti con la Siria, appelli lanciata nel bel mezzo di un massacro di civili da parte di Assad che ha pochi precedenti nella storia moderna, dopo innumerevoli appelli a interrompere i legami commerciali con l’Arabia Saudita, il che potrebbe essere anche comprensibile se a quelle richieste fossero seguiti gli stessi appelli per le stesse motivazioni ad interrompere i rapporti anche con l’Iran, ieri arriva l’ennesima genialata dell’esperto di politica estera del M5S: l’Italia si deve dissociare da un bombardamento americano che per errore (a cui il caro Manlio non crede) ha colpito militari siriani.

manlio-di-stefano-facebook

L’appello di Manlio Di Stefano arriva dopo che l’aviazione siriana e quella russa per mesi hanno bombardato di tutto, dagli ospedali alle scuole senza che “l’esperto” di politica estera grillino facesse una piega e soprattutto arriva poche ore prima che l’aviazione siriana bombardasse un convoglio umanitario uccidendo 12 operatori umanitari e dopo che Assad, l’amico di Di Stefano, aveva impedito che gli aiuti umanitari raggiungessero la città di Aleppo stremata da un assedio senza fine.

A parte che l’appello all’Italia a dissociarsi da una singola azione di guerra compiuta dagli americani non ha alcun senso se non quello smaccatamente becero tipico degli ignoranti o delle persone in malafede, quello che impressiona della lunga sequela di attributi di stima di Malio Di Stefano nei confronti del sanguinario regime siriano è la totale indifferenza sui crimini compiuti da Assad e dai suoi alleati iraniani e di Hezbollah contro i civili siriani. Non si riesce a capire se Manlio Di Stefano sia il portavoce per gli esteri del M5S o il portavoce in occidente degli Ayatollah e dei suoi alleati terroristi.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

putin iran israele

Altro che amico di Israele, Putin sempre più complice dell’Iran

Chi, tra gli amici di Israele, vede in Putin un amico dello Stato Ebraico dovrebbe guardare a quello che sa facendo il dittatore russo con l’Iran e la Turchia prima di insistere con questa assurda visione

Israele: Shin Bet scopre rete di sostegno finanziario ai terroristi di Hamas

Lo Shin Bet scopre una rete di finanziamento ai terroristi gestita da Hamas gemella di quella gestita dalla ANP

Il gioco in più voga tra i bambini palestinesi? Spara al poliziotto israeliano [video]

Bambini palestinesi che giocano a “sparare ai poliziotti israeliani” fomentati dagli adulti. Con queste premesse non si può parlare di pace, né adesso né in futuro

Medio Oriente: Israele nella tela del ragno iraniano

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è un genio. Con la scusa dell’ISIS è riuscito a ingannare la comunità internazionale e a tessere una pericolosa tela intorno a Israele

libia generale haftar

Libia: quel messaggio del Generale Haftar che l’Italia deve cogliere

In una intervista al Corriere della Sera Il Generale Haftar lancia alcuni importantissimi messaggi all’Italia, messaggi che la nostra politica non può e non deve ignorare, non solo sui migranti

trump medio oriente

Pace in Medio Oriente: Trump ci riprova ma fa un favore agli arabi

Trump ritiene che dopo la fine della crisi del Monte del Tempio questo sia il momento giusto per riportare arabi e israeliani al tavolo delle trattative. Ma è un grosso favore agli arabi

Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco