Abu Bakr Al-Baghdadi sarebbe fuggito da Mosul grazie al fondamentale aiuto degli Stati Uniti. E’ questa l’allucinante accusa che importanti media iraniani (tra i quali l’agenzia FARS) hanno rilanciato dai loro siti web.

Citando un comandante iracheno, tale Javad al-Tayebavi che risulta appartenere alle milizie sciite eterodirette da Teheran che combattono in Iraq e che sono accusate di crimini gravissimi al pari di quelli commessi da ISIS, la FARS afferma che Abu Bakr Al-Baghdadi sarebbe riuscito a fuggire da Mosul grazie a un corridoio aperto dalle morse militari americane.

«Le forze americane hanno aperto la strada per la fuga del leader di ISIL (ISIS) Abu Bakr Al-Baghdadi permettendogli di fuggire da Mosul ovest verso la regione di al-Qayravan» scrive la FARS riprendendo la TV in lingua araba al-Sumeria che a sua volta sostiene di averlo appreso da Javad al-Tayebavi.

L’accusa mossa ai militari americani dai media iraniani è pesantissima e appare francamente del tutto priva di qualsiasi fondamento. Crediamo piuttosto che rientri nella politica iraniana di denigrazione degli Stati Uniti e dei loro alleati volta a inculcare nelle popolazioni iraniane e irachene odio e ostilità verso gli americani che proprio in queste ore aumentano il loro impegno in Iraq mettendosi di traverso alle mire iraniane sull’Iraq.

Se apprezzi il nostro lavoro valuta la possibilità di fare una piccola donazione a Rights Reporter

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Comments are closed.

Media iraniani: Abu Bakr Al-Baghdadi fuggito da Mosul grazie agli USA

Grazie per aver condiviso il nostro articolo