Morto Shimon Peres: omaggi da tutto il mondo, fango da Internazionale.it

 

Ieri è morto Shimon Peres, nono Presidente israeliano ed ex Primo Ministro. Aveva 93 anni e due settimane fa era stato colto da un grave ictus che aveva subito fatto pensare al peggio. Le sue condizioni erano peggiorate ieri pomeriggio tanto che i sanitari avevano chiamato i suoi famigliari al suo capezzale.

Shimon Peres fu tra gli artefici degli accordi di Oslo e per questo fu insignito nel 1994 del Premio Nobel per la Pace. Nato nel 1923 in Polonia da dove fuggì durante la dominazione nazista, fu tra i fondatori dello Stato di Israele ed era l’ultimo dei padri della Patria ancora in vita (su Wikipedia la sua biografia).

Condoglianze e attestati di stima sono arrivati da tutto il mondo. Obama lo ha definito “l’essenza stessa di Israele” mentre continuano ad arrivare alla famiglia e alla nazione messaggi da ogni parte del globo. Questa mattina il Premier Netanyahu ha convocato una seduta speciale del Governo per commemorare Shimon Peres mentre la sua salma verrà esposta alla Knesset. Per i suoi funerali sono attesi i leader da tutto il mondo.

E mentre tutto il mondo piange un uomo di pace che aveva contribuito a quegli accordi che avrebbero dovuto portare alla nascita di uno Stato palestinese a fianco di uno Stato Israeliano, accordi poi fatti saltare dall’odio e dalla ingordigia palestinese, non manca chi getta fango su Shimon Peres colpevole di aver lottato per il suo Stato. E’ Internazionale.it che pubblica un articolo (si fa per dire) di Amira Hass come sempre pieno di odio e di menzogne, un articolo pubblicato qualche giorno fa quando ancora Shimon Peres era vivo ma che oggi come non mai diventa l’esempio eclatante dell’odio cieco e becero di chi vive grazie al conflitto israelo-palestinese e non vuole lasciare quel formidabile business che rappresenta la questione palestinese, anche a costo di continuare a mentire e a vomitare odio antisemita all’infinito e in un momento particolare di lutto per tutto lo Stato di Israele.

La redazione di Rights Reporter si unisce al lutto che ha colpito lo Stato Ebraico di Israele per la perdita di uno dei suoi padri fondatori. Che la terra ti sia lieve caro Presidente.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

putin iran israele

Altro che amico di Israele, Putin sempre più complice dell’Iran

Chi, tra gli amici di Israele, vede in Putin un amico dello Stato Ebraico dovrebbe guardare a quello che sa facendo il dittatore russo con l’Iran e la Turchia prima di insistere con questa assurda visione

Israele: Shin Bet scopre rete di sostegno finanziario ai terroristi di Hamas

Lo Shin Bet scopre una rete di finanziamento ai terroristi gestita da Hamas gemella di quella gestita dalla ANP

Il gioco in più voga tra i bambini palestinesi? Spara al poliziotto israeliano [video]

Bambini palestinesi che giocano a “sparare ai poliziotti israeliani” fomentati dagli adulti. Con queste premesse non si può parlare di pace, né adesso né in futuro

Medio Oriente: Israele nella tela del ragno iraniano

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, è un genio. Con la scusa dell’ISIS è riuscito a ingannare la comunità internazionale e a tessere una pericolosa tela intorno a Israele

libia generale haftar

Libia: quel messaggio del Generale Haftar che l’Italia deve cogliere

In una intervista al Corriere della Sera Il Generale Haftar lancia alcuni importantissimi messaggi all’Italia, messaggi che la nostra politica non può e non deve ignorare, non solo sui migranti

trump medio oriente

Pace in Medio Oriente: Trump ci riprova ma fa un favore agli arabi

Trump ritiene che dopo la fine della crisi del Monte del Tempio questo sia il momento giusto per riportare arabi e israeliani al tavolo delle trattative. Ma è un grosso favore agli arabi

Abu Mazen blocca social media e siti web in Giudea e Samaria

Il Governo palestinese in Giudea e Samaria al fine di reprimere il dissenso blocca i social media e i siti web di notizie con un decreto presidenziale. I difensori dei Diritti Umani parlano già “limitazione della libertà di espressione”

Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco