Nessun collegamento tra Vaticano e cristianesimo. Restituire Roma all’Islam

Non c’è nessun collegamento tra il Vaticano e il cristianesimo e Roma andrebbe restituita all’Islam. Se prendiamo per buona la buffonata partorita ieri dall’UNESCO, e cioè che non c’è nessun collegamento tra il Monte del Tempio a Gerusalemme e l’ebraismo ci dobbiamo aspettare anche una risoluzione simile sul Vaticano e su Roma.

Non stiamo scherzando, la cosa è molto seria. Se un organismo come l’UNESCO che dovrebbe fare della storia e della salvaguardia dei luoghi storici la sua unica missione, distorce così clamorosamente proprio quella storia che dovrebbe tutelare (per altro molto ben pagato per farlo) allora possiamo aspettarci di tutto, persino che qualche popolo musulmano inventato di sana pianta rivendichi il Vaticano come luogo sacro dell’Islam e Roma come città sacra per i musulmani.

Quanto avvenuto ieri all’UNESCO è qualcosa di storicamente perverso, un fatto mai avvenuto nella storia delle Nazioni Unite e delle sue controverse agenzie. Non è solo una bestemmia storica che va contro la stessa missione dell’UNESCO, è una resa all’Islam e alla sua narrazione storica completamente distorta a suo favore.

Il segnale è gravissimo, vorremmo che di questo in occidente si fosse veramente coscienti perché il fatto che Paesi come l’Italia e altri grandi Paesi non abbiano votato contro questa ridicola e clamorosa invenzione che calpesta millenni di storia e getta nel cestino decine di migliaia di documenti e reperti storici, non è una forma di rispetto verso chicchessia ma è una sottomissione all’Islam bella e buona.

L’UNESCO ha fornito ai musulmani di tutto il mondo la scusa perfetta per continuare a fomentare odio e violenza contro Israele e contro l’ebraismo e lo ha fatto consapevolmente, ben conscio che così facendo sarebbe andato contro la realtà storica. Non solo, ha creato un precedente gravissimo che espone proprio la storia a repentini capovolgimenti e distorsioni in qualsiasi parte del mondo. E così non ci dovremmo meravigliare se uno come Erdogan sostiene che a scoprire l’America non è stato Cristoforo Colombo ma i musulmani, se Gesù Cristo viene definito un “palestinese” quando era ebreo praticante o quando ci si inventa dal nulla un popolo mai esistito come quello cosiddetto “palestinese”.

Scritto da Einav Ben H.

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare