New York: poster contro la Jihad nella metropolitana autorizzati dal giudice

Antefatto: la scorsa settimana nella metropolitana di New York erano apparsi alcuni manifesti che contestavano la Jihad e definivano gli integralisti islamici come “selvaggi”. La New York Transport Authority li aveva fatto rimuovere, ma un blogger si è rivolto ad un giudice che, ritenendo non offensivi quei manifesti, ne ha autorizzato l’affissione.

Così da questa mattina la metropolitana di New York verrà tappezzata di manifesti che chiedono agli americani di supportare la civiltà e di rinnegare la Jihad. Oltretutto i manifesti non sono per niente offensivi, dicono semplicemente la verità. Forse a qualcuno non è andato giù che il manifesto si chiudesse con la richiesta di supportare Israele.

La campagna di sensibilizzazione è stata ideata da Pamela Geller, blogger di un certo peso. La New York Transport Authority aveva vietato l’affissione dei manifesti perché li giudicava “umilianti” per gli islamici. Il giudice della Corte Distrettuale non l’ha pensata così. Un piccola vittoria della civiltà sulla barbarie dell’estremismo islamico.

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles