Nigeria: Boko Haram controlla il 20% del Paese. Si teme ecatombe a Maiduguri

By , in Africa on . Tagged width: , ,

Il gruppo terrorista islamico, Boko Haram, che di recente si è allontanato da Al Qaeda e si è avvicinato allo Stato Islamico, ISIS, controlla oltre il 20% della Nigeria e in particolare controlla le maggiori città dello Stato di Borno, il secondo Stato per grandezza della Nigeria.

E’ questa la drammatica realtà che emerge da una analisi di alcuni esperti di terrorismo islamico in Africa che stanno analizzando con molta preoccupazione l’evolversi della situazione in Nigeria.

Le città di Bama, strategica perché permette il controllo di tutti i passaggi verso il Ciad e il Camerun, è da tempo sotto il controllo di Boko Haram. Altre città importanti sono cadute mentre la capitale, Maiduguri, si trova da diversi giorni sotto assedio. Decine di migliaia le persone in fuga dai combattimenti. Tra loro moltissime donne e bambini sia musulmani che cristiani.

Gli analisti militari raccontano che negli ultimi tempi Boko haram ha subito una vera e propria evoluzione trasformandosi in un gruppo militare fortemente armato e perfettamente organizzato. Non è chiaro alle intelligence da dove arrivino le armi ai terroristi islamici ma il dito rimane puntato verso il Qatar che comunque finanzia ampiamente l’organizzazione terroristica. Ma Boko Haram dispone anche di armi iraniane, forse rimanenza di precedenti consegne prima che si schierassero dal lato sunnita. Molte delle armi sono poi state catturate all’esercito nigeriano che ha perso diverse importanti caserme. Fatto sta che al momento attuale Boko Haram è molto ben armato e riesce con una certa facilità a sconfiggere l’esercito regolare nigeriano.

Adesso gli analisti temono una vera ecatombe. La città di Maiduguri è abitata da tre milioni di persone di diverse etnie e religioni. Se cadesse nelle mani di Boko Haram potrebbe essere una carneficina visto che già i terroristi hanno fatto sapere che massacreranno tutti i cristiani e tutti quelli che non riconosceranno il Califfato della Nigeria del Nord. Fino a qualche giorno fa c’era un canale aperto per la fuga, ma ora anche quello è in mano a Boko Haram e la popolazione è in trappola.

Quasi immobile il Governo nigeriano impegnano in una lotta politica fratricida e infestato dalla corruzione. Immobile anche la Comunità Internazionale che, nonostante i ripetuti allarmi e le periodiche stragi, è riuscita a interessarsi di Boko Haram solo in occasione del rapimento di 200 studentesse. Una goccia nel mare di sangue che Boko Haram sta spargendo in tutta la Nigeria. E ancora ieri sera il portavoce del gruppo terrorista ha invitato tutti i cristiani abitanti la Nigeria a lasciare il Paese o verranno massacrati. Questa è la vera pulizia etnico-religiosa di cui tanto i media occidentali si riempiono le bocche ma che se riguarda la Nigeria non fa notizia.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Claudia Colombo

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata