Nucleare iraniano: fine del bluff americano

Il re è nudo. Il bluff americano sull’Iran è finito con le parole di Hillary Clinton che domenica scorsa ha detto che gli USA non intendono fissare una “linea rossa” oltre la quel l’Iran non potrà andare. E così finisce la tiritera americana e Obama viene finalmente allo scoperto.

Da diverse settimane il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, chiedeva agli USA di rendere credibile la loro minaccia militare nel caso l’Iran non avesse ottemperato alle richieste internazionali. Per farlo Netanyahu aveva chiesto a Obama di fissare una “chiara linea rossa” superata la quale gli USA sarebbero intervenuti militarmente.

Domenica scorsa durante una intervista improvvisata il Segretario USA, Hillary Clinton, ha smentito seccamente che gli USA stiano pensando a fissare una linea rossa. Anzi, ha detto chiaramente che “non c’è bisogno di fissare alcun termine” e che “gli USA stanno monitorando tutti gli sviluppi del nucleare iraniano e non pensano ci sia bisogno di fare niente di più di quello che è stato fatto fino ad oggi”.

La notizia è arrivata ieri in Israele e ancora non si registrano reazioni da parte delle autorità israeliane. Netanyahu aveva detto che se gli USA avessero fissato una linea rossa avrebbe rinunciato ad attaccare le centrali atomiche iraniane. E’ chiaro che questa dichiarazione della Clinton cambia tutto. Finito il bluff si dovrà fare sul serio.

Sarah F.

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata