Nucleare iraniano: gli USA appoggeranno Israele in caso di attacco all’Iran

nucleare-iraniano-obama-netanyahu

Con una delibera che taglia la testa al toro il Senato USA ha votato ieri una risoluzione (la n°65) secondo la quale se Israele fosse costretto ad attaccare l’Iran gli Stati Uniti dovranno fornire supporto diplomatico, economico e militare.

Il principio adottato dalla risoluzione è quello del “Diritto all’autodifesa” di Israele il che sancisce in maniera definitiva che il programma nucleare iraniano è a tutti gli effetti una “rischio esistenziale” per lo Stato Ebraico. La risoluzione, proposta dai senatori Robert Menendez e Lindsey Graham, stabilisce anche che la politica americana deve essere quella di fermare il programma nucleare iraniano con ogni mezzo. La risoluzione è passata con il 70% dei voti favorevoli.

In un messaggio indirizzato all’AIPAC, la Commissione Esteri del Senato USA ha detto che “con questa importante risoluzione gli Stati Uniti hanno lanciato un messaggio molto chiaro ed enormemente importante di solidarietà con Israele e riconoscono che il programma nucleare iraniano è un pericolo molto serio per Israele, per gli Stati Uniti e per tutto il mondo”.

Al di la della fredda cronaca il messaggio che arriva dagli Stati Uniti è molto importante specie perché giunge nel giorno del 65esimo compleanno di Israele. Viene riconosciuto finalmente che il programma nucleare iraniano è una minaccia esistenziale per Israele e che lo Stato Ebraico ha tutto il Diritto di attaccare le centrali nucleari iraniane per autodifesa. Non solo, a questo punto è chiaro che se fosse Israele a fare il primo passo gli Stati Uniti sarebbero al loro fianco nel conflitto che ne potrebbe scaturire.

E’ un bel messaggio agli Ayatollah e a Catherine Ashton, un messaggio che dice senza giri di parole che il tempo delle trattative è finito.

Sharon Levi

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles