Numerosi missili su Israele: Hamas schiera le sue forze per fermare i lanci

hamas-forze-di-sicurezza

Hamas schiera le sue forze di sicurezza per fermare il lancio di missili su Israele. No, non è una notizia farlocca, è la verità. Dopo che negli ultimi giorni si è assistito a una escalation del lancio di missili su Israele e alla conseguente reazione israeliana su Gaza, Hamas ha deciso di impedire in tutti i modi ulteriori lanci di missili che però sono continuati anche nella notte scorsa con due razzi che hanno colpito le zone di Eshkol ed Eilat.

Hamas ha schierato le proprie forze di sicurezza in particolare nelle vicinanze della barriera di sicurezza e ha provveduto a fermare qualsiasi veicolo che si avvicinasse al confine. Ricerche di piattaforme di lancio sono attive anche a Gaza e in tutto il centro della Striscia. Hamas, che accusa la Jihad Islamica del lancio dei missili, vuole evitare ulteriori rappresaglie israeliane e, soprattutto, vuole evitare che si giunga alla rottura del cessate il fuoco pattuito con Israele molti mesi fa. Secondo fonti delle forze di sicurezza di Hamas, il gruppo terrorista che controlla la Striscia di Gaza ha organizzato una riunione tra tutti i gruppi terroristici della zona per convincerli a interrompere il lancio di missili. Allo stesso tempo mediatori dei terroristi sono all’opera per scongiurare ulteriori interventi dell’aviazione israeliana e stanno cercando di convincere le autorità israeliani che Hamas sta facendo tutto il possibile per fermare il lancio di missili che però, come detto, sono proseguiti anche la scorsa notte.

Ma la situazione a Gaza resta confusa e non è chiaro se Hamas abbia convinto gli altri gruppi terroristici a fermare il lancio di missili su Israele. A preoccupare è in particolare la Jihad Islamica e un gruppo a loro affiliato che opera dal Sinai, i Mujahideen Shura Council in the Environs of Jerusalem, un nuovo gruppo legato ad Al Qaeda che ha portato attacchi anche in Egitto e che non sembra facilmente controllabile.  Il gruppo sarebbe stato formato da Ahmad Saad, il terrorista della Jihad Islamica ucciso ieri da un attacco aereo mirato israeliano. L’uccisione di Saad, uno dei più pericolosi terroristi della Striscia di Gaza, avrebbe scatenato le ire della Jihad Islamica e dei gruppi ad essa collegata i quali avrebbero promesso vendetta (pretendono di lanciare decine di missili su Israele senza che lo Stato Ebraico reagisca), da qui la decisione di Hamas di schierare le sue forze di sicurezza per impedire ulteriori lanci di missili.

Sarah F.

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata