Otto domande a Papa Benedetto XVI

Lungi da noi fare polemica con il Vaticano, ma all’indomani della importantissima visita di Papa Benedetto XVI in Libano e a seguito delle sue dichiarazioni, ci sorgono spontanee alcune domande da rivolgergli ben sapendo che mai e poi mai accetterà di rispondere.

  1. Lei ha parlato del Libano come un esempio di “convivenza tra fedi diverse”. E’ al corrente che attualmente il Libano è occupato militarmente da una milizia islamica (Hezbollah) la quale “impone” nei fatti il suo dominio? Come chiamerebbe questa situazione se non con la parola “pace forzata” connessa esclusivamente agli interessi di Hezbollah?
  2. E’ al corrente che migliaia di contadini libanesi di fede cristiana sono stati costretti a cedere a Hezbollah le loro terre (praticamente a titolo gratuito ) e a trasferirsi in città o a uscire dal Libano?
  3. E’ al corrente che nei campi profughi dove affluiscono i rifugiati siriani quelli che di loro sono cristiani vengono fortemente discriminati?
  4. E’ al corrente che non appena il suo aereo ha staccato le ruote dal suolo libanese il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha ordinato una settimana di proteste contro il video giudicato dagli islamici come blasfemo? Lo sa che quell’ordine comprendeva anche l’attacco agli interessi degli “infedeli”?
  5. Lei ha proposto alla comunità internazionale di proporre “soluzioni praticabili” per evitare lo scontro di religioni. Cosa intende con “soluzioni praticabili”? Porgere l’altra guancia? Convertirsi in massa all’Islam? Accettare le violenze islamiche?
  6. In tutti i suoi discorsi sulla “convivenza pacifica tra religioni” lei non ha citato una sola volta i massacri di cristiani in Nigeria? Come mai? Non sono anche loro degni di una strenua difesa e di una condanna forte del Vaticano? Sono forse cristiani di serie B? E dei copti in Egitto cosa ci dice?
  7. Lei ha detto: “tacciano le armi in Medio Oriente”. Nobile proposito, ma ha qualche idea su come fare? Lo sa che Hezbollah dispone di centinaia di migliaia di missili puntati su Israele e che il suo obbiettivo dichiarato è lo stesso del dittatore iraniano, Ahmadinejad, e di gran parte del mondo islamico? Buttare a mare tutti gli ebrei. Sterminarli. Ritiene che per far tacere le armi gli ebrei debbano farsi sterminare?
  8. Infine, lei ha detto che “l’integralismo falsifica la fede”. Giusto, ma è in grado di trovare tanti musulmani non integralisti quanti ne servono per tacitare gli altri? Si rende conto che, fatti salvi pochi sporadici episodi relativi ad altre religioni, il vero integralismo è insito nel concetto stesso di Islam?

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata