Palestina: il nipote di Arafat succederà ad Abu Mazen

 

Il nipote di Arafat succederà ad Abu Mazen alla guida della Autorità Nazionale Palestinese (ANP) e della Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Sembra essere questa l’indicazione che emerge da diverse riunioni dei leader arabi e in particolare da un colloquio tra il Presidente egiziano, Abdel-Fattah el-Sissi, e il Re di Giordania, Abdullah II.

Si chiama Nasser al-Kidwa ed è il figlio della sorella di Yasser Arafat l’uomo indicato dalla maggioranza dei leader arabi come possibile successore di Abu Mazen alla guida di ANP e OLP, un nome calato dall’alto che fino ad ora non era mai stato nominato con tanti saluti a libere elezioni e alla rosa di candidati che sin qui si erano ventilati come successori di Abu Mazen, primo fra tutti quel Mohammad Dahlan su cui gravano pesanti accuse di corruzione e una accusa di omicidio.

Nasser al-Kidwa è stato Ministro degli Esteri per la ANP ed è uno dei membri più influenti di Fatah. Sin da giovane molto attivo nella Organizzazione per la Liberazione della Palestina è stato anche un dipendente delle Nazioni Unite dove, tra gli altri incarichi, ha servito come rappresentante speciale del Segretario Generale per la guerra in Afghanistan. E’ molto stimato nella Lega Araba ed è considerato un “politico di razza”. Membro del comitato centrale di Fatah non viene considerato un falco ma un moderato politicamente molto abile e preparato. Laureato in odontoiatria all’Università del Cairo, da subito nominato membro esecutivo della Mezzaluna Rossa Palestinese, non è mai stato sfiorato da sospetti di corruzione e la sua carriera politica internazionale è stata discreta ma in continua ascesa.

Gli arabi non vogliono più Abu Mazen

E’ da un po’ di tempo che i leader arabi mostrano una certa insofferenza verso Abu Mazen ormai prossimo alla soglia degli 81 anni e non proprio in salute oltre che palesemente inadatto al ruolo. Ma fino ad oggi nessuno aveva mai osato imporre un nome anche perché ci si aspettava che il Presidente palestinese indicesse libere elezioni per nominare il suo successore, possibilità che a questo punto viene giudicata dai leader arabi molto remota visto anche come è finita la vicenda delle elezioni locali palestinesi rimandate non si sa a quando. Da qui la decisione di forzare l’uscita di scena di Abu Mazen imponendo un nome dall’alto. Dopo diverse riunioni e dibattiti sembra che i leader arabi siano confluiti tutti sul nome di Nasser al-Kidwa e che anche all’interno della ANP e della OLP non ci siano particolari ostilità verso il nipote di Arafat. Ora il problema è riuscire a convincere Abu Mazen. Gli arabi hanno ben altre gatte da pelare (in primis l’espansionismo iraniano) e sono decisamente stanchi della questione palestinese giudicata ormai un ostacolo alla stabilizzazione dell’area mediorientale e soprattutto un ostacolo alla ormai indispensabile regolarizzazione dei rapporti con Israele.

Scritto da Lila C. Ashuryan

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare