Ma quale sciopero della fame. Ecco come Marwan Barghouti prende tutti per i fondelli

marwan barghouti sciopero della fame

Sciopero della fame di Marwan Barghouti – Se qualcuno credeva (ancora) alla messa in scena dello sciopero della fame dei terroristi palestinesi incarcerati in Israele, si guardi bene questo video diffuso dalle autorità israeliane.

https://youtu.be/moGWnRUYQ2c

Nel video si vede il terrorista palestinese Marwan Barghouti, considerato dagli odiatori un eroe, in effetti un assassino condannato a cinque ergastoli, mentre mangia di nascosto alcuni snack. Il video è stato registrato il 27 aprile quando Marwan Barghouti è stato posto in isolamento dopo che aveva convinto centinaia di terroristi palestinesi a iniziare uno sciopero della fame e dopo che lo stesso Barghouti aveva scritto uno scandaloso editoriale pubblicato con grande enfasi dal New York Times, nel quale il terrorista palestinese mentiva a tutto il mondo.

E così, mentre in Italia alcuni “eroici” parlamentari bevevano acqua e sale in diretta dal Parlamento per dimostrare solidarietà con Marwan Barghouti, lo stesso se la rideva e mangiava di nascosto.

Intendiamoci, è tipico dei palestinesi approfittare dei creduloni per diffondere falsificazioni e mistificazioni, ma lo sciopero della fame del cosiddetto “leader” palestinese aveva avuto risonanza mondiale e diverse manifestazioni di solidarietà nonostante fosse più che evidente che quella di Marwan Barghouti era solo una mossa politica fatta per di più usando altri terroristi palestinesi.

Non è la prima volta che Marwan Barghouti viene sorpreso mentre mangia dopo aver annunciato al mondo uno sciopero della fame. Era già successo nel 2004 e in altre occasioni.

La moglie di Marwan Barghouti, Fadwa, ha detto di essere convinta che il video è un falso montato ad arte dalle autorità israeliane per diffamare “l’eroico marito”. E siamo convinti che ci siano ancora creduloni che si bevono anche questa balla.

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Grazie per aver condiviso il nostro articolo