Referendum per indipendenza Kurdistan: Turchia minaccia ritorsioni

Ankara si oppone fermamente al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. Teme ripercussioni anche nel Kurdistan turco

Ieri la Turchia ha minacciato ritorsioni nel caso la regione autonoma del Kurdistan iracheno decidesse di tenere l’annunciato referendum per l’indipendenza previsto per il prossimo 25 settembre.

Il ministro turco dell’energia e delle risorse naturali, Berat Albayrak, durante una intervista televisiva ha detto che «l’Iraq settentrionale – il Kurdistan – pagherà un caro prezzo se dovesse decidere di tenere il referendum per l’indipendenza». In particolare il ministro turco si riferisce all’accordo sulla cooperazione energetica sottoscritto dalla Turchia e dal Kurdistan iracheno che potrebbe esser emesso a rischio da una eventuale indipendenza del Kurdistan in quanto scatenerebbe una controversia che potrebbe portare persino a un conflitto armato per il controllo dei pozzi petroliferi del nord dell’Iraq.

La dichiarazione del ministro turco arriva dopo che mercoledì il Presidente del Kurdistan iracheno, Masoud Barzani, aveva confermato l’intenzione di tenere il referendum per l’indipendenza del Kurdistan il prossimo 25 settembre scatenando immediate reazioni sia da Baghdad che da Ankara. Contrari si sono detti anche gli iraniani.

Nel 2014 la Turchia e il Kurdistan iracheno hanno sottoscritto un accordo sull’energia che prevede il trasporto delle risorse estratte nella regione settentrionale dell’Iraq attraverso la Turchia per poi essere indirizzate verso l’Europa. Un accordo quindi indispensabile per il Kurdistan.

Il timore di Ankara è che la nascita di uno Stato del Kurdistan totalmente indipendente scateni le rivalse degli altri gruppi curdi tra i quali il più numeroso è proprio quello turco.

Fai una piccola donazione a Rights Reporter
Se apprezzi il nostro lavoro valuta la possibilità di fare una piccola donazione a Rights Reporter

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare