Renzi non faccia l’errore di Bersani. Lasci perdere Grillo

By , in Politica Italiana on . Tagged width: , , ,

matteo-renzi-grillo

Matteo Renzi è andato a stanare Grillo ma il comico genovese risponde nell’unico modo che conosce, quello dell’insulto e della menzogna virale, quella che ripetuta migliaia di volte sul web convince gli ingenui che le sirene esistono e che in America applicano i microchip nel cervello.

Intendiamoci, non ci aspettavano nulla di diverso da Grillo e dai suoi adepti, la setta vuole lo sfascio e se tu gli vai a proporre qualcosa di costruttivo è normale che si arrocchino e lo rifiutino, magari andando a pescare il rimborso ai partiti di cui Renzi è colpevole quanto i grillini, cioè nulla.

Ma il massimo lo fanno quando dicono che le proposte di Renzi, cioè abolizione delle province, trasformazione del Senato e legge elettorale, le avevano già proposte loro nel programma pre-elettorale. Bene, il loro programma è questo e ci si trova solo l’abolizione delle province, che per altro era nei programmi di quasi tutti i partiti. Del resto nemmeno l’ombra. E quando il povero Bersani è andato a fare le stesse proposte fatte ieri da Renzi ai parlamentari pentastellati si è visto ridere in faccia.

Ora, non vorremmo che Matteo Renzi faccia lo stesso errore di Bersani e si metta a dare dietro a Grillo e alle sue allucinazioni. Vuole fare le riforme? Le faccia e chi ci vuole stare ci stia, senza tanti discorsi. Se si mette a stare dietro a Grillo passano mesi senza trovare il bandolo della matassa, tanto il M5S vuole solo sfasciare e non costruire.

Bianca B.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata