Riunione dei Paesi non allineati: il capo dell’Onu a braccetto con i terroristi

Sfidando apertamente gli inviti di USA e Israele a non recarsi alla riunione dei Paesi non allineati che si terrà a Teheran dal 29 al 31 agosto, il Segretario Generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha deciso di partecipare all’evento. Questo almeno fino a ieri.

Ismail Haniyeh

E’ di questa mattina infatti la notizia che, su invito di Ahmadinejad, anche il capo di Hamas nella Striscia di Gaza, Ismail Haniyeh, parteciperà all’evento. Hamas è considerato da Onu, da Unione Europea e dagli Stati Uniti un gruppo terrorista, quindi di fatto Ban Ki-moon rischia di sedersi a fianco di un capo terrorista il che, se fosse un uomo normale, dovrebbe procurargli qualche imbarazzo.

Appena saputa la notizia dell’invito di Haniyeh alla riunione dei Paesi non allineati abbiamo cercato di sapere cosa ne pensasse il Segretario Generale dell’Onu e se valutasse l’ipotesi di non recarsi più a Teheran, ma il suo ufficio stampa non ha rilasciato alcun commento, né a noi né ad altre e ben più importanti agenzie di stampa internazionale.

Detto francamente ci si aspetterebbe dal Segretario Generale dell’Onu un moto d’orgoglio e un conseguente netto rifiuto a sedersi al tavolo con un capo terrorista del calibro di Ismail Haniyeh, ma conoscendo l’accondiscendenza di Ban Ki-moon verso i musulmani non ci meraviglieremmo di vederlo fotografato mentre passeggia a braccetto con questo vero e proprio assassino.

© 2012, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata