Scandaloso: l’amica del “portavoce di Putin” farà un film su Pompei

Sembra una beffa:  Michelle (Dragomira) Bonev, la regista bulgara amica del “portavoce di Putin”, farà un film su Pompei finanziato dai soldi degli italiani. Il bello è che la sconvolgente notizia arriva il giorno dopo l’ennesimo crollo di Pompei per cu ieri abbiamo chiesto al Ministro Bondi un atto di dignità: le dimissioni.

Secondo quanto riferisce Repubblica.it sul suo sito, la pellicola verrà prodotta in Bulgaria e sarà co-finanziata da Italia (RAI) e Bulgaria. Titolo dell’opera: “I tesori di Pompei” . Insomma, non è bastato che la RAI sborsasse un milione di euro per il film dello scandalo del finto premio (Goodbye Mama) di cui abbiamo già parlato, ora mentre Pompei perde i pezzi e ogni giorno registra un nuovo crollo, cosa si fa? Invece di spendere soldi sulla messa in sicurezza del sito archeologico che tutto il mondo ci invidia si pensa bene di buttare altri soldi al vento per finanziare un film prodotto dall’amica del “portavoce di Putin”, film che nessuno guarderà ma che, ne siamo certi, si meriterà un nuovo premio inventato, magari il “premio mondiale per la difesa dei siti archeologici diroccati”.

Non so voi, ma io mi sento decisamente presa per i fondelli. Si negano finanziamenti al cinema italiano e si offrono soldi a pioggia a Dragomira solo perché è l’amica del “portavoce di Putin”. Non ci sono soldi per mettere una pezza ai crolli di Pompei e si finanzia un film sui “tesori di Pompei”, tesori che se continua così tra qualche anno non ci saranno nemmeno più. Cosa si può dire? Ma che faccia ci vuole per portare avanti un progetto del genere dopo tutto quello che è successo con il film Goodbye Mama? Che arroganza e senso di impunità sono necessari per fare tutto questo? E siccome questo nuovo film rientra nella competenza del Ministro Bondi, non ci resta che ribadire la richiesta di ieri: Bondi, si dimetta.

Bianca B.

© 2010, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata