Svezia: paura per attacchi contro obbiettivi ebraici

La Svezia ha deciso oggi di fornire personale di sicurezza armato con armi automatiche e giubbetti antiproiettile per sorvegliare e proteggere i centri ebraici, le sinagoghe e i negozi ebraici. Lo rende noto il giornale svedese in lingua inglese The Local, citando Jessica Krasser Fremnell, addetto stampa presso la sede operativa della polizia svedese.

Non è chiaro cosa abbia spinto la polizia svedese a prendere questa decisione ma diverse fonti svedesi parlano di un “elevato allarme per possibili attacchi contro obbiettivi ebraici” diffuso da alcuni servizi europei. Lo stesso Simon Wiesenthal Center proprio ieri ha espresso il timore che quanto successo la settimana scorsa in Danimarca si potesse ripetere in Svezia dove la presenza di estremisti musulmani è molto forte.

«Sembra di essere tornati ai tempi dei nazisti quando dovevi nascondere di essere ebreo» ha detto un esponente della comunità ebraica svedese interpellato da Rights Reporter per un commento.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata