Tag

bugie di berlusconi

Browsing

Dal caso Noemi a quello della “nipote di Mubarak” passando per le promesse elettorali mai mantenute, di balle il sig. Berlusconi ce ne ha raccontate parecchie, spesso talmente grottesche che se non fosse grave il fatto che un Presidente del Consiglio racconti balle al suo popolo, ci sarebbe di che sganasciarsi dal ridere.

La campagna elettorale più velenosa della storia italiana si è chiusa ieri sera con le ennesime sparate del Premier unite alle solite promesse che poi non verranno, come sempre, mantenute. E’ già successo quando disse che avrebbe ripulito Napoli in tre giorni, quando promise una ricostruzione dell’Aquila veloce, quando promise un abbassamento delle tasse ecc. ecc. Di promesse disattese è piena la storia di Berlusconi.

Voglio oggi tornare sul voto del Parlamento in merito all’autorizzazione a procedere per la perquisizione degli uffici del rag. Spinelli, contabile dell’Olgettina e delle feste del Premier. Lo faccio perché la stampa internazionale si sta chiedendo da che razza di classe politica è governata l’Italia se ben 315 Deputati hanno creduto che veramente Berlusconi fosse convinto che Karima El Mahroug, in arte Ruby, fosse la nipote di Mubarak e che il suo intervento fosse dovuto alla necessità di evitare un incidente internazionale.

“L’Italia è una repubblica giudiziaria commissariata dalle Procure”. A dirlo oggi a Bruxelles, dove si teneva il Consiglio Europeo, è stato il premier italiano, Silvio Berlusconi, che come al solito non si è smentito facendo fare l’ennesima figuraccia all’intero paese, sempre più attonito dalle mega balle raccontate dal portavoce di Putin e indignato per il suo comportamento.

Premetto subito che la sottoscritta non è comunista, così sgombriamo subito il campo da facili strumentalizzazioni. Quello a cui abbiamo assistito ieri con l’ennesimo video del cavaliere di Arcore (nonché portavoce di Putin) sul TG1 è il caso più clamoroso di bufala (balla, menzogna, ecc. ecc.) dopo l’affermazione di non aver mai fatto sesso a pagamento.