Tag

cerchio magico

Browsing

E’ stata una vera e propria Caporetto per la Lega Nord. Questi ballottaggi oltre ad evidenziare che la gente è stanca di questa assurda classe politica (astensionismo da record), oltre a consegnare una grande città al nuovo comico italiano (dopo Berlusconi, Grillo) ha conclamato la netta sconfitta della Lega Nord, certo prevedibile, ma non a questi livelli.

Ha fatto pena (nel vero senso della parola) Bossi ieri sera a Bergamo. Ha fatto pena quando ha cercato di difendere l’indifendibile parlando ancora una volta di “complotto contro la Lega Nord” e quando, dopo varie bordate di fischi, ha chiesto scusa per le azioni commesse da chi “porta il suo stesso cognome”. Ha fatto pena umanamente e politicamente.

Si può non essere leghisti. Si può essere leghisti e maroniani. Si può essere leghisti e cerchisti (sostenitori del cerchio magico). Si può essere persino ostili a Bossi come persona. Tuttavia quello che è successo ieri nelle sede della Lega Nord ha qualcosa di estremamente atipico per un Paese come l’Italia: un politico sfiorato da una inchiesta si è dimesso. Questo nessuno lo può negare.

Una premessa: un avviso di garanzia non è una condanna. Detto questo, però, c’è da chiedersi come sia possibile che una persona con i trascorsi di Francesco Belsito possa essere messo a fare il tesoriere di un partito, cioè gli vengano date in mano le chiavi delle casse piene di milioni. O è una svista colossale, di per se già gravissima, oppure è stato fatto deliberatamente il che è ancora più grave.