Tag

corruzione

Browsing

In Venezuela si muore letteralmente di fame ma i politici legati al regime e al Chavismo non hanno certo di questi problemi. Lo sapevamo ma a confermacelo arriva il Procuratore generale svizzero che in un colpo solo ha congelato tre conti correnti intestati a Elita Del Valle Zacarías Díaz, madre dell’ex ministro dei Trasporti, del Territorio e dei Lavori Pubblici del Venezuela, Haiman El Troudi.

Ma avete sentito la Santanché alla Zanzara? Un breve resoconto lo trovate su Repubblica. Beh, io non voglio certo avventurarmi in questioni politiche. Per me destra, sinistra, centro, estrema destra, estrema sinistra, centrini, grillini e dipietristi sono tutti uguali. E’ la politica in generale ad essere corrotta. In fondo la Santanchè è la rappresentazione perfetta della politica italiana di oggi. E non vi scandalizzate se siete di un altro schieramento o se siete politici e vi rompe essere paragonati a Crudelia De Mon. È la verità.

Due maxi manovre nel giro di due mesi e nessun provvedimento per lo sviluppo. E’ questo lo stato delle cose in Italia. E che Dio ci guardi dagli elogi dell’Unione Europea sbandierati da Berlusconi sui provvedimenti presi da questo governicchio, all’Europa non gliene frega niente se si fa macelleria sociale, a loro interessano sono i macro-numeri e su quelli l’Italia ha fatto la sua parte.

E’ molto importante per un partito politico saper cambiare la propria fisionomia e adattarla ai tempi che corrono. E’ quello che sta facendo il neo-segretario del PDL, Angelino Alfano, che con un atto di vero coraggio (sic) ha detto che “vuole un partito degli onesti”. Ecco, il nuovo “partito degli onesti” riparte da Dell’Utri e da Verdini, indagati e quasi sicuramente imputati di “associazione segreta” e forse di “corruzione”.

Berlusconi non odia tutti i giudici, odia solo quelli che non riesce a comprare. Per esempio non odia Maria Rosaria Grossi, ex giudice del Tribunale fallimentare di Milano, sotto inchiesta per concussione e, ora, per evasione fiscale dopo che il suo nome è venuto fuori dalla “lista Falciani”, cioè quell’elenco di nomi che hanno conti in Svizzera svelato dall’ex dipendente della HSBC, Hervé Falciani.

Già in passato Maria Rosaria Rossi era finita nel mirino degli inquirenti per presunti favori al gruppo Fininvest nell’affare Mondadori e in altri affarucci passati in secondo piano, ma non per questo meno importanti o imponenti, come l’acquisto di Radio 101 oppure per il fallimento della società Arcado, che non dice niente a nessuno meno che al Premier in quanto ex proprietaria dei terreni adiacenti a Villa Certosa.